Il sindaco risponde su Berti

?Vedo che in molti cartelli di lavori in corso ad Arezzo c?è il nome di questo signore e non dico altro.? Luigi Lucherini parlava del suo ex-assessore all'urbanistica Paolo Berti. Un passaggio del suo discorso nel penultimo consiglio comunale – l'ultimo in cui si sia tenuto un dibattito. Un messaggio equivoco, trasversale, che rischiava di alimentare veleni proprio mentre la magistratura è impegnata a scoperchiare la vergogna di Variantopoli.
Per questo i consiglieri comunali Nicotra, Dringoli e Bianchi presa carta e penna in mano, presentarono una interrogazione urgente al Sindaco affinchè dicesse "altro".
Luigi Lucherini però ha deciso di proseguire con il "non detto", il lasciar trasparire, il non sostanziare le sue affermazioni con nessun dato.
Emblematica la risposta pervenuta oggi dal Sindaco ai tre consiglieri del Prc:
"Il riferimento ai cantieri sta a significare che dalla politica del mattone da Voi tanto disprezzata ma che tanto lavoro ed occupazione ha dato in città, (Berti n.d.r.) non si è dissociato." "Il Sindaco dimentica che la tanto da noi diprezzata politica del mattone- replicano Nicotra, Dringoli e Bianchi – ha prodotto anche Variantopoli e la concussione ambientale messa in luce dall'inchiesta giudiziaria. Quanto ai numerosi cartelli nei cantieri della città di Arezzo con il nome di Paolo Berti prendiamo atto che il Sindaco nella sua risposta non fornisce alcun dato. Si limita ad insinuare. Da quello che ci consta da una nostra ricerca empirica (non abbiamo altri strumenti a differenza del Sindaco e probabilmente sbagliamo) il nome dello studio Berti risulta essere presente attualmente ad Arezzo solo in un cantiere. Il connubio tra affari e politica è semmai più consistente per altri studi e per altri progettisti:invariabilmente da alcuni anni sempre e solo gli stessi. C'è un conflitto d'interessi non risolto in città che gli strali a Berti non diluiscono affatto.D'altronde Berti venne allontanato dalla giunta perchè si opponeva al progetto sulla ex-.scuola Margaritone. Domandiamo :chi sono i beneficiari di quella operazione, per realizzare la quale non si esitò a trasferire, dalla sera alla mattina in una sede precaria, una intera scuola media?".

I Consiglieri di Rifondazione Comunista
Alfio Nicotra, Franco Dringoli e Marco Bianchi

Articlolo scritto da: Gruppo consiliare Prc