Miglia di persone colpite dalle inondazioni in Africa Australe

112

Johannesburg – Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (PAM)
ha fatto sapere oggi che le inondazioni che stanno colpendo il sud
dell'Africa stanno causando distruzione e danni a decine di migliaia di
persone intrappolate dalle acque alte che hanno distrutto raccolti ed
abitazioni e ucciso dozzine di persone.

La peggiore inondazione ha colpito la regione centrale del Mozambico. Le
piogge forti e persistenti cadue nel centro e nel nord del Mozambico, oltre
che nei paesi vicini Malawi, Zambia e Zimbawe nelle ultime tre settimane
hanno fatto straripare i fiumi Zambezi, Chire eRivubue nelle province di
Tete, Manica, Sofala e Zambezia. Il livello del Basso Zambezi in Mozambico,
fiume lungo 800 Km, è rimasto sopra la soglia di allerta per quasi una
settimana.

"Il PAM sta facendo fronte alla crisi provocata delle inondazioni lungo il
sud dell'Africa ma siamo particolarmente preoccupati dal peggiorare della
situazione in Mozambico che non ha ancora raggiunto il suo picco di
gravità e dove le acque continuano a confluire dai paesi limitrofi," ha
dichiarato Amir Abdulla, Direttore Regionale del PAM per l'Africa del Sud.

"Finora abbiamo utilizzato scorte di cibo preposizionate per far fronte
alla crisi ma la gravità delle inondazioni in Mozambico richiederà con
urgenza fondi aggiuntivi," ha aggiunto Abdulla.

Il governo del Mozambico ha dispiegato il suo esercito per evacuare la
popolazione dalle aree maggiormente colpite e il PAM ha già iniziato a
distribuire 300 tonnellate di razioni d'emergenza a 2000 persone nei centri
di raccolta di Mutara, una delle aree maggiormente colpite.

Dallo scorso dicembre le inondazoni in Mozambico hanno distrutto oltre 4600
case, 100 scuole e 4 ospedali e costretto a fuggire 46 500 persone,
uccidendone 29. Molte strade principali e dozzine di strade secondarie sono
sommerse dall'acqua, lasciando isolate molte comunità tra cui Zumbu e
Mutarare nella provincia di Tete.

Inoltre, le forti pioggie cadute in Zambia per tutto il mese di gennaio
hanno riempito la diga di Cahora Bassa nella provincia di Tete, in
Mozambico, fin oltre i livelli di guardia. Nella scorsa settimana,
l'afflusso alla diga è stato di ben 10.000 metri cubi al secondo, mentre
l'efflusso è stato fatto aumentare in maniera costante fino a raggiungere,
oggi, gli 8.400 metri cubi al secondo, secondo le previsioni.

La quantità d'acqua potrebbe peggiorare l'attuale inondazione nel bacino
del fiume Zambesi portandolo ai livelli dei tempi delle catastrofiche
inondazioni del 2000 e 2001 in Mozambico.

Il PAM prevede di lanciare un appello alla comunità internazionale nei
primi giorni della prossima settimana per sostenere gli sforzi del governo
del Mozambico per contenere la crisi. L'appello dovrebbe includere aiuti
alimentari, operazioni aeree per il salvataggio e la consegna di
rifornimenti d'emergenza, e strumenti di telecomunicazione per facilitare
il coordinamento da parte del governo della risposta umanitaria.

Si stima che circa 285.000 persone in Mozambico possano aver bisogno di
assistenza alimentare per i prossimi mesi, se si considera che molti sono
dovuti fuggire davanti all'innalzarsi del livello delle acque, abbandonando
i pochi beni e le riserve di cibo.

Anche se è troppo presto per prevedere le conseguenze sulla produzione
agricola nella regione, le coltivazioni sono al momento nella fase di
maggiore crescita e sviluppo in vista della stagione del raccolto in aprile
e maggio. Le prime stime indicano che 15.000 ettari di terreno coltivato
sono andati perduti in Mozambico.

Le inondazioni, fino ad ora, hanno anche colpito l'Angola, il Madagascar,
il Malawi, lo Zambia e lo Zimbabwe. Il PAM si è mobilitato nella regione
per affrontare la situazione, ma è ancora presto per conoscere la portata
complessiva delle inondazioni in Mozambico, considerato che il paese è il
principale punto di confluenza delle acque provenienti da diversi paesi.. Il
PAM si trova già a dover affrontare una mancanza di fondi per tutte le sue
operazioni nell'Africa australe, con un bisogno di 105 milioni di dollari
per tutto il 2007.

"Il nostro intervento nella regione è reso difficile dalla critica mancanza
di finanziamenti e ora il bisogno maggiore è in Mozambico", ha detto
Abdulla. "Con una situazione che probabilmente peggiorerà nei prossimi
giorni, avremo bisogno del pieno appoggio della comunità internazionale."

Articlolo scritto da: PAM