Home Nazionale Roghi in Russia, 52 morti

Roghi in Russia, 52 morti

0
Roghi in Russia, 52 morti

MOSCA – E' salito a 52 il bilancio delle vittime degli incendi in Russia, mentre continua a peggiorare la situazione meteorologica nei cieli di Mosca, da giorni coperta da una coltre di fumo che sta causando seri disagi al trasporto aereo. La situazione più critica si è registrata all'aeroporto Domodedovo, dove 16 voli sono stati cancellati e altri 43 spostati a causa della ridotta visibilità, inferiore ai 400 metri. Gravi disagi anche all'aeroporto Vnukovo, dove sette partenze e 14 arrivi sono stati posticipati, e a quello di Sheremetyevo, dove le condizioni di visibilità, ancora discrete in mattinata, sono in costante peggioramento.
Il governo russo ha annunciato un nuovo piano per rafforzare la difesa contro gli incendi, mentre il fronte delle fiamme continua ad avanzare e la situazione viene definita, secondo quanto riporta la stampa russa, 'catastrofica'
Secondo le ultime cifre ufficiali sono circa 600 i focolai ancora accesi nelle aree rurali a sud est di Mosca. Le autorità hanno consigliato a tutti i cittadini della capitale di lasciare la città per qualche giorno, dopo che i livelli di sostanze tossiche nell'aria hanno raggiunto soglie fino a cinque volte superiori a quelle normali e a causa della cappa nera sono attese nelle prossime ore temperature superiori ai 40 gradi. Secondo molti esperti, respirare l'aria di Mosca equivale a fumare diversi pacchetti di sigarette a causa dell'enorme concentrazione di CO2. A causa delle temperature oltre la norma, il tasso di mortalità a Mosca è raddoppiato nel mese di luglio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Oltre mille vigili del fuoco sono al lavoro per spegnere le fiamme che minacciano la base militare di Alabinsk, non lontano da Mosca, mentre altre centinaia continuano a lottare contro le fiamme al centro di ricerche nucleari di Sarov, 400 chilometri a est della capitale, dove i militari hanno abbattuto numerosi alberi per impedire il propagarsi dell'incendio e la situazione sembra ora sotto controllo. Il portavoce delle forze missilistiche (da cui in Russia dipendono gli arsenali nucleari), citato dall'agenzia di stampa Ria Novosti, ha assicurato che gli incendi non minacciano i siti nucleari.
I responsabili delle attività nucleari hanno dichiarato che gli esplosivi e il materiale radioattivo sono stati già allontanati dalla zona, ma tra gli abitanti è ancora forte il timore che le fiamme possano rilasciare nell'atmosfera le particelle radioattive assorbite dal terreno e dagli alberi della regione dopo l'esplosione della centrale di Chernobyl nel 1986.
Il primo ministro Vladimir Putin ha detto che lunedì verrà presentato un piano per migliorare l'equipaggiamento e l'operatività delle squadre dei vigili del fuoco, aumentare il numero dei Canadair e la protezione dalle fiamme delle installazioni più a rischio, come centrali nucleari e depositi militari. La mossa di Putin viene interpretata come una risposta alle crescenti critiche verso le autorità russe, accusate di non essere intervenute in modo sufficientemente tempestivo contro gli incendi ormai iniziati da settimane.
Intanto la stampa russa comincia a fare le prime stime dei danni, con un miliardo di euro persi con la distruzione dei campi di grano e migliaia di ettari di foresta carbonizzati.

Articlolo scritto da: Adnkronos