Giostra del Saracino: primo giorno di prove

Arezzo – Si è tenuta questo pomeriggio in Piazza Grande la prima giornata di prove dei giostratori in vista della prossima Giostra del Saracino. I quartieri sono scesi in lizza secondo di estrazione. E' quindi Porta Crucifera che per prima ha potuto utilizzare la mezz'ora a propria disposizione.
Alessandro Vannozzi ha provato con Giusy la cavalla di proprietà del suo compagno di squadra con la quale ha già corso nella scorsa edizione e che ripresenterà anche domenica prossima mentre Carlo Farsetti ha portao in Piazza sia Enola Gay che Carlito Brigante. Per entrambi i giostratori rossoverdi ottimi punteggi ed anche qualche centro. Qualche problema lo ha invece avuto Marco Cherici con il suo Aragon. Il cavallo del giostratore di Porta Santo Spirito infatti è risultato assai recalcitrante riproponendo al giostratore i problemi che gli aveva già dato durante la notturna.
C'è comunque tutto il tempo perchè Cherici possa tranquillizzare il suo cavallo e portarlo al meglio ad affrontare il buratto. Tutto come da programma per i giostratori di Porta Sant'Andrea. Enrico Vedovini, che tutti attendevano alla “prova Buratto” dopo l'infortunio al dito della mano destra subito poche settimane fa ha dimostrato di essersi ripreso del tutto tanto è vero che dopo un primo tiro di “assaggio” al secondo tentativo ha subito marcato un cinque.
Buona anche la prova di Stefano Cherici. L'ultima mezz'ora ha visto in lizza i giostratori di Porta del Foro che hanno approfittato di questa prima sessione per provare i cavalli di riserva. Pochi i tiri effettuati con Enrico Giusti che, dopo aver colpito il centro già al primo tentativo depositava la lancia ed effettuava solo delle sgambature utilizzando negli ultimi minuti anche la cavalla titolare. Giovanni Bracciali ha invece provato con Duchessa lasciando a riposo Napoleone con il quale, molto probabilmente, affronterà la prossima Giostra.

Articlolo scritto da: Marco Rosati