Vertice sul futuro di Università e Polo

Studenti Universita Scuola
Studenti Universita Scuola

Arezzo – Vertice, questo pomeriggio, sul futuro dell’università aretina. Le notizie positive: saranno conservati i corsi dell’area medica e la facoltà di Lettere si appresta a trasformarsi nel Dipartimento di scienze umane della formazione, della comunicazione interculturale. Un ulteriore consolidamento di quella che viene considerata una delle migliori facoltà italiane. Il Rettore Riccaboni ha definito il nuovo Dipartimento un “viatico per il futuro” della presenza universitaria aretina.
I problemi, determinati dall’applicazione della legge Gelmini, vengono da economia e ingegneria i cui corsi andranno ad esaurimento: quindi completamento del secondo e del terzo anno ma non verrà aperto il primo. Per gli iscritti c’è quindi la certezza di poter completare ad Arezzo gli studi che qui hanno iniziato.
Il Rettore Riccaboni ha ricordato, comunque, la possibilità, qualora ve ne siano le condizioni, di attivare master di riferimento regionale per queste materie.
Complesso appare il futuro del Polo Universitario sul quale, nel corso della riunione di questo pomeriggio, sono emerse perplessità. Sia sulla forma giuridica che sull’effettivo ruolo nell’ambito della realtà aretina.
Il Sindaco Fanfani ha chiesto di riunire attorno ad un tavolo l’intero sistema istituzionale ed economico aretino per decidere il futuro del Polo. O in questa o in un’altra forma. Con la partecipazione dell’Ateneo senese o anche di altre università. Un tema, quindi, aperto ma con un confronto orientato a garantire il massimo collegamento possibile tra il sistema economico locale e l’università, rendendo quindi centrale il tema della formazione nella prospettiva del rilancio dell’economia locale.
All’incontro di oggi hanno preso parte, tra gli altri, il Rettore Riccaboni, il Preside Bernardi, la professoressa Tristano; il Sindaco Fanfani, il Presidente della Provincia, Vasai; il Presidente della Camera di Commercio, Tricca; il Direttore generale e il vice Direttore di Banca Etruria, Bronchi e Schiatti. Per il Comune di Arezzo erano presenti anche il vice Sindaco Gasperini e l’assessore alla cultura, Macrì.
Un nuovo incontro tra Università di Siena e sistema istituzionale ed economico aretino verrà convocato dopo la pausa estiva.