Ad Arezzo l’Amleto prodotto dallo stilista Pierre Cardin

Arezzo, 30 giu. – (Adnkronos) – E' grazie al mecenatismo dello stilista Pierre Cardin, che dal tessuto artistico italiano emerge la sensibilita' audace del compositore Daniele Martini, oggi co-produttore assieme a Cardin di ''Amleto dramma musicale'', in prima assoluta sabato 3 agosto, al Palagio Fiorentino di Stia (Arezzo) alle 21. Due ore di musica intensa, 32 brani cantati da 7 cantautori. Una reinterpretazione vitale del mondo amletico gia' esplorato da tutti i settori artistici, ma non ancora in termini orchestrali moderni. Una commedia-tragedia musicale che nella messa in scena cerca coerenza con l'estetica del teatro shakespeariano: l'opera e' stata volutamente spogliata di tutto cio' che da un punto di vista estetico l'avrebbe resa un grande contenitore, scegliendo quindi di essere soltanto puro contenuto. In un momento storico come quello in cui ci troviamo, che riporta tutti a porci domande piu' chiare sull'agire, in cui anche il mondo dello spettacolo fatica a portare in scena grandi creazioni ed emozioni, ''Amleto dramma musicale'' sceglie la forza della parola e della musica nella loro purezza, accettando la sfida di non aver bisogno di azioni imponenti per suscitare emozione. ''Essere o non essere, agire o non agire, cedere alla rabbia o scegliere l'amore, la liberta'. Sono temi che appartengono all'essere umano – afferma l'autore Daniele Martini -. Ho scelto di dare ad Amleto quell'impatto immediato che, secondo il mio modo di percepire la vita, solo la musica e le parole piu' semplici sono in grado di fare. In questo si innesta la gestazione dell'opera che vuole reinterpretare il messaggio di Shakespeare, che puo' essere compreso nuovamente anche in chiave musicale. E' Shakespeare che permette tutto questo''.