Sul Corsalone inizia la stagione della pesca alla trota

AREZZO – La pesca sul Corsalone riapre i battenti. Ad annunciarlo è l'Arci Pesca Fisa che, in collaborazione con la Provincia di Arezzo, è pronta a dare il via alla nuova stagione di pesca sul tratto a regolamento specifico del torrente casentinese. A partire da Domenica 24 Febbraio tutti gli amanti della pesca alla trota potranno tornare a pescare nel tratto di fiume denominato "zona regolamentata" che si estende dalla briglia del Ponte Rosso alla confluenza del torrente Fossatone. Il Corsalone si prepara dunque ad ospitare centinaia di pescasportivi della provincia di Arezzo e delle province limitrofe che invaderanno le sponde del fiume per continuare a coltivare la loro passione. «Il torrente casentinese è una delle grandi ricchezze ittiche della nostra provincia – afferma Alfredo Rondoni, presidente dell'Arci Pesca Fisa di Arezzo, – e noi siamo orgogliosi di poter offrire ai pesca-sportivi la possibilità di pescare in questo bel tratto di fiume. Per tutti gli appassionati, si prospettano ottime settimane perché il Corsalone ha una buona portata d'acqua ed è ricco di trote-fario anche di notevole taglia. L'unico requisito per accedere alla zona sarà il possesso di una regolare licenza di pesca o della tessera Arci Pesca Fisa, Enal e Fipsas, con i pescasportivi che dovranno richiedere gli appositi permessi giornalieri recandosi al bar 4C di Corsalone, nel comune di Chiusi della Verna». Per garantire la pescosità del fiume, l'Arci Pesca Fisa sarà settimanalmente impegnata nel ripopolamento del Corsalone, immettendo nuove trote per assicurare agli appassionati un'abbondante quantità di pesce. I pescasportivi saranno invece chiamati ad un attento rispetto delle normative dell'area: una delle norme più rigorose riguarda proprio la quantità di trote pescabili perché, ad esempio, non sarà possibile portare via più di quattro pesci adulti superiori ai 25 cm. «Il regolamento sarà chiaro e visibile – conclude Rondoni. – Chiediamo a tutti i pescasportivi la massima collaborazione per un corretto rapporto con l'ambiente e per il rispetto delle regole».