Tra artisti, commedianti, foulard, storici e … Shirley Temple

Galleria Ivan Bruschi

Si comincia venerdì 2 maggio alle ore 17 al Caffè dei Costanti di piazza San Francesco con l’ultimo appuntamento de “I venerdì della Fiera”. Questa volta si parlerà de “Il falso, il falsario e il falso d’autore”. Saranno presenti Paolo Torriti, ricercatore in storia dell’arte dell’Università degli Studi di Siena e Daniela Galoppi, restauratrice aretina.  L’incontro verrà coordinato dall’assessore alle attività produttive del Comune di Arezzo, Paola Magnanensi.

Sabato 3 maggio alle ore 9 e domenica 4 maggio alle ore 11 nel Giardinetto di Via Pileati arriva lo spettacolo teatrale di strada a ingresso libero “La città delle pulci” realizzato dall’Accademia dell’arte di ‪‎Arezzo. Sul finire della seconda guerra mondiale una compagnia di bizzarri commedianti si ritrova, nel suo girovagare attraverso l’Italia, in una città sconosciuta e fuori dal tempo. Ma a complicare ancora di più le cose quella città è proprio sulla linea del fronte tra le armate anglo – americane e le forze tedesche e fasciste. In questa situazione, i nostri amici dovranno allestire il loro spettacolo preparandosi ad ogni eventualità. Riusciranno i nostri commedianti a portare a termine l’arduo compito di trasmettere la loro arte seppure in una condizione così difficile?

Sono inoltre ancora aperte al pubblico  le mostre: “Carré Hermès: un foulard per sempre” fino al 4 maggio nel  Chiostro del Palazzo Comunale. 26 foulard ci trasporteranno in mondi immaginari, in luoghi e tempi lontani per un viaggio capace di evocare simboli, miti, personaggi, usi e culture, nuovi e antichi. La mostra è realizzata da A.N.G.E.L.O. Vintage Palace  con vere e proprie opere d’arte formato 90×90 e narrazioni intrecciate nel più pregiato dei materiali, la seta. Inoltre Carré Hermès è sinonimo di lusso e di raffinatezza, di femminilità e ricercatezza. Diana Vreeland li considerava capaci di donare un’eleganza istantanea a chi lo indossava. Le dive del passato, come Greta Garbo, Jacqueline Kennedy Onassis, Elizabeth Taylor, Audrey Hepburn e Grace Kelly, erano testimoni viventi della classe che erano in grado di trasmettere.

Fino al 5 maggio invece nelle sale espositive del Benvenuti ad Arezzo la prima delle due mostre allestite dai Collezionisti Storici aretini dedicate alla “Grande Guerra”.  La mostra si intitola “Affetti, Patria e Merito” e ha come tema la propaganda di guerra vista da tutti i fronti. Come sempre il Museo dei Mezzi di Comunicazione sarà presente con le sue “pillole” scientifiche legate a questo periodo storico.

Inoltre presso la Galleria Ivan Bruschi di Piazza San Francesco, fino al 4 maggio  “Omaggio a Shirley Temple”, mostra dedicata al ricordo della mitica “Riccioli d’Oro” enfant prodige del cinema, attraverso l’esposizione di bambole originali degli anni trenta a lei dedicate.

A Palazzo Chianini Vincenzi fino all’11 maggio rimarrà aperta anche la mostra a ingresso libero“Regard – sguardo sull’arte” dell’artista Franco Fedeli che presenta opere recenti in una grande installazione dal concetto museale e che porterà il visitatore alla scoperta del mondo e del sentimento dell’artista.