Emanuele Fadda in rimonta su Annetti Vince la Corsa del Santuario delle Vertighe – CLASSIFICHE

Santuario delle Vertighe
Santuario delle Vertighe

Sono state due gare bellissime, sia quella riservata ai Veterani, Argento,Oro e Donne con la vittoria del solito Filaj sull’eterno secondo Rosai ,il 3° posto Burroni mentre al 4° Sinatti e al 5° Mulas; nella categoria argento continua la marcia travolgente di Tonelli su Floridi e Patrussi mentre negli oro Goracci ancora primo su Peruzzi e D’Onza.

Nella gara Femminile sofferta vittoria di Barneschi su Tiberi e Moretti.
Nella gara degli assoluti Fadda giunto alla partenza pochi minuti prima del via è riuscito in rimonta a riprendere Annetti che sembrava involarsi alla vittoria finale,ma con un attacco deciso a metà dell’ultimo giro faceva sua la vittoria mentre al 3° posto bene Neri su Taras e Graziani.
La Cronaca:
Ultimi preparativi prima della partenza fatta sottovoce per rispettare l’ambiente in cui i frati svolgevano ancora le funzioni religiose.
Poi alle ore 19,00 ultimi richiami per poi ricevere la benedizione prima della partenza avvenuta alle ore 19,15.
Circa 100 atleti hanno preso il via nella gara dei Veterani,Argento,Oro,Donne e non Competitiva.
Percorso spettacolare che ha entusiasmato i partecipanti , in particolare il passaggio e l’arrivo sulla scalinata del Santuario, soglia impegnativa di tutto il percorso dove la selezione è naturale.
Abbiamo infatti visto al 1° dei 2 Giri Filaj a condurre e Rosai come un segugio stare alle calcagne del battistrada mentre dietro lotta tra Burroni,Sinatti e Mulas.
Negli argento splendida forma per Tonelli che ancora una volta dopo Policiano domina la gara su Floridi e Patrussi.
Nelle Donne tanta partecipazione con Francesca Barneschi che ha dovuto soffrire un pochino di più su Tiberi e Moretti.

Santuario delle Vertighe
Santuario delle Vertighe

Di seguito la partenza degli assoluti con un bel lotto di atleti a contendersi la vittoria .
Tre i giri da percorrere in cui Alessandro Annetti prende subito l’iniziativa con margini limitati su Neri,Taras,Graziani e più staccato Fadda.
Al 2° giro la situazione non cambia,ma Fadda si fa sotto e alla metà del 3° giro recupera Annetti e va a vincere la gara sulla Scalinata finale con pochi secondi su Annetti e Neri.
Completata la corsa tutti insieme ci siamo ritrovati a degustare antipasti , crostini e pizza a volontà nel refettorio del santuario con apprezzamento di tutti gli atleti.
Ottima l’organizzazione che Adriano Menchetti insieme a Nicoletta Sanarelli ed il comitato delle Vertighe sono riusciti a realizzare con l’organizzazione tecnica della U.P.Policiano.
Unica nota stonata: mentre stavo scrivendo l’articolo ho letto la mail che mi ha inviato Pellegrinelli che riporto integralmente:
Buonasera prof,
è con un misto di rabbia, sconforto e delusione che mi tocca segnalare l’ennesimo furto in macchina avvenuto stasera ahimè a mie spese in occasione della gara delle Vertighe. Rabbia accentuata dalla constatazione dell’insufficienza degli accorgimenti che ovviamente il buon senso e la prevenzione suggeriscono. Non è bastato, infatti, venire con una macchina di
piccolissima cilindrata (una 600, proprio per dare meno nell’occhio) mettere il borsello nel portabagagli, anzi addirittura nel sottovano (praticamente nella ruota di scorta). Lo sconforto deriva non tanto dall’ammontare della somma
rubata (€30) quanto dal senso di insicurezza cui ogni podista in ciascuna gara deve sottostare. Sia che accada qualcosa o nulla non è più possibile vivere le gare con ansia e preoccupazione (tra l’altro la bravura di questi delinquenti è tale che non sfondano vetri o forzano serrature: come nel mio caso aprono le
portiere con una facilità tale che del furto il malcapitato non se ne accorge subito). Anche ammesso di portarsi dietro solo la patente non c’è la garanzia che la macchina in qualche modo venga aperta. Fin qui purtroppo siamo alla denuncia dei fatti e alla lamentela. Ritengo, però, che così non sia più possibile andare avanti: considerato ormai la frequenza di questi fenomeni che
durano da tanto (troppo) tempo e che (purtroppo) sicuramente in futuro si ripeteranno, faccio un appello una richiesta perché come società vengano prese finalmente delle serie misure. Se gli accorgimenti del singolo non bastano occorre istituire assolutamente un servizio di sorveglianza le cui caratteristiche magari possono essere discusse e decise magari alla prossima
riunione della società. So benissimo che è un problema annoso ma qualcosa deve essere fatto: così – dico sinceramente – passa la voglia di gareggiare e divertirsi. Mi scusi lo sfogo ma so benissimo che capirà. Un caro saluto.

 

CLASSIFICHE CORSA – Santuario delle Vertighe