Saggio decisamente diverso degli Sbadieratori alla Giostra del Saracino di Giugno – FOTO

Un saggio decisamente diverso, per certi versi innovativo e dal contenuto spettacolare quello ideato e
coreografato dal tecnico Stefano Giorgini.

Inusuale per l’aspetto musicale, con chiarine e tamburi – guidati da Francesco Ricciarini e Alessio Dionigi –
schierati al centro della lizza, mentre gli hanno occupato i quadranti destinati ai quartieri.
Evoluzioni di bandiere e passaggi acrobatici sono stati l’oramai applaudito repertorio di questi che per raggiungere il grado di perfezione, quale la merita e ottiene, si dedicano a lunghi ed intensi allenamenti
quotidiani.

Un applauso, particolarmente sentito ed intenso ha scandito le varie fasi del saggio, ed è un applauso che tutti
gli sbandieratori che si sono impegnati duramente durante l’anno, sono destinati a ricevere anche come
Ambasciatori di a Martigues () e a Tortosa (Spagna) nonché a Vienna i primi di Luglio ospiti
dell’Ambasciata italiana.
Per gli aretini poi l’appuntamento è alla Giostra di Settembre: per allora sarà sicuramente pronta un’altra novità.