Sclerosi multipla, venerdì Open Day all’ospedale della Gruccia

Ospedale Gruccia Valdarno
Ospedale Gruccia Valdarno

MONTEVARCHI – Venerdì 30 maggio, in occasione della settimana di informazione e di sensibilizzazione promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, avrà luogo la prima edizione dell’iniziativa “Ospedali a Porte Aperte”, rivolta alle donne che soffrono di questa malattia, tipicamente declinata al femminile: è infatti di 2 a 1 il rapporto di incidenza tra donne e uomini con sclerosi multipla.

L’ospedale di Santa Maria alla Gruccia aderisce all’iniziativa sostenuta da O.N.Da, l’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna. L’ospedale valdarnese, proprio per l’organizzazione di attente politiche di assistenza alle donne, ha ottenuto il riconoscimento di “ospedale rosa” con due bollini di qualità.

IL PROGRAMMA DI VENERDI’
Il primo appuntamento, alle 9,30, sarà presso l’ingresso dell’ospedale della Gruccia, con una piccola cerimonia di affissione della targa di riconoscimento di due bollini rosa per il biennio 2014-2015.
E’ il risultato conseguito con attente politiche di gestione dei percorsi nei confronti del genere femminile.
Diversi i “fronti” sui quali si è lavorato.
Nel corso del 2013, in Valdarno si è ritenuto di approfondire la conoscenza ed di implementare l’organizzazione in tema di “salute mentale al femminile”. L’evento pubblico è stato gestito in collaborazione con l’UO Territoriale, l’UO Igiene Mentale, la UOP Dietetica Professionale. Le comunicazioni degli esperti sono state improntate alla prevenzione del disagio psichico durante quei cicli vitali della donna in cui la pressione mentale è più forte.
Con la collaborazione della UO Ostetricia e Ginecologia sono stati affrontate le problematiche tipiche dell’adolescenza come i disturbi del comportamento alimentare; si è inoltre parlato di femminilità e maternità centrando l’attenzione sull’incontro madre-bambino. Infine, si sono rivisitate in senso fisiologico e naturalistico le modificazioni del corpo della donna durante il climaterio.
Nel corso dell’incontro, ad integrazione delle terapie tradizionali, sono stati presentati alcuni trattamenti non convenzionali, quali il Mind-Fulness, i gruppi di aiuto, l’ attività fisica adattata, la rete sociale nel nostro territorio.
Sempre di grande valore e con risultati importanti, il servizio presente nel pronto Soccorso della Gruccia già da circa due anni, del “Codice Rosa”, a tutela delle fasce più deboli della popolazione maggiormente soggette a episodi di abuso e violenza e le pregresse iniziative per la conoscenza e prevenzione dell’osteoporosi femminile.

L’OPEN DAY SULLA SCLEROSI MULTIPLA
Nella zona del Valdarno da anni attiva una Unita slùclerosi multipla, seguita dal Dr. Mario Ghezzi, che si occupa delle problematiche di diagnosi, terapia ed assistenza inerenti questa patologia. Presso la struttura è attivo un punto di ascolto, relativo a problermateche di varia natura (amministrativo/burocratiche, counseling) gestito dalla AISM provinciale.

Il programma di venerdì 30 prende il via alle 10 nella sala Paul Harris con un seminario su Sclerosi multipla al femminile.
Interverranno Mario Ghezzi, responsabile della Neurologia dell’ospedale, che fornirà informazioni sulla realtà valdarnese legata alla Sclerosi Multipla, descrivendo epidemiologia, ipotesi patogenetiche, percorsi diagnostici e terapeutici.
Poi Rosanna Lochi, Presidente provinciale Associazione sclerosi multipla,descriverà principi e finalità dell’AISM ed interazione con i percorsi aziendali. Fulvia Tommasi, psicopedagoga Responsabile AISM del Valdarno, racconterà l’esperienza e le difficoltà di due coppie di genitori disabili interessati dalla sclerosi multipla. Chiara Beni, psicologa e socia AISM Valdarno, parlerà dei disturbi cognitivi e dell’importanza della riabilitazione in tale ambito. Ed infine Elena Aldinucci, fisioterapista, illustrerà tappe e traguardo nella riabilitazione fisica per i pazienti affetti da sclerosi multipla.

Nel pomeriggio, dalle 15,00 alle 17,00, il dottor Mario Ghezzi e la vicepresidente dell’Aism Giuseppina Albiani, saranno a disposizione, presso gli ambulatori della neurologia, per colloqui informativi a carattere personale
COSA E’ LA SCLEROSI MULTIPLA
Cronica, imprevedibile e spesso invalidante, la sclerosi multipla è una grave malattia cronica del sistema nervoso centrale.

Sono 72mila le persone con Sclerosi Multipla che vivono nel nostro paese: la maggior parte, circa il 70%, sono donne. Si tratta per lo più di persone giovani, con il50% al di sotto dei 45 anni. Nella maggior parte dei casi la sclerosi multipla insorge fra i 20 e i 40 anni, in un’età assolutamente cruciale nel percorso di vita delle persone, quando si costruiscono i presupposti per la propria vita affettiva, familiare e professionale.
Lo dimostra il fatto che, tra chi ha meno di 35 anni, l’avere ricevuto la diagnosi prima o dopo i 25 rappresenta una discriminante decisiva: chi ha ricevuto la diagnosi prima, infatti, vive nella famiglia di origine nel 55,8% dei casi, contro il 26,4% di chi l’ha ricevuta dopo. Se la diagnosi arriva più tardi, invece, è più probabile vivere in coppia (55% contro 30,5%).
Il costo sociale in Italia della sclerosi multipla è pari a 2, 7 miliardi di euro l’anno.