Imprese: Foà, minibond non hanno futuro, per pmi intervenire su tassazione

370

Milano, 17 nov. (AdnKronos) – I Minibond “sono un mercato da boyscout, che non avrà mai futuro”. E’ il giudizio espresso da Alberto Foà, presidente di AcomeA Sgr e fondatore, nel 1994, di Anima Sgr, durante la conferenza di Cfa dedicata al tema ‘Riportare fiducia sul risparmio’. “Purtroppo, a partire dal Governo Monti – spiega Foà – sono state differenziate in maniera assurda le tassazioni sulle rendite finanziarie, per cui è stato avvantaggiato l’investimento in titoli di Stato e penalizzato quello in obbligazioni societarie”.
Di conseguenza, “l’imprenditore e chi ha capitali da investire rischia di meno” e, aggiunge Foà, “oggi tutto in Italia spinge fiscalmente perché le aziende si indebitino e i risparmi siano incanalati in titoli di Stato e non in impieghi di tipo imprenditoriale”. Dunque, secondo il presidente di AcomeA Sgr bisognerebbe intervenire sul piano fiscale per avvantaggiare le pmi e attrarre gli investitori istituzionali, che investono a lungo termine.