Montagna: soccorso alpino Gdf, 1400 interventi in primi mesi 2015

Rho-Fiera (Milano), 25 ago. (AdnKronos) – Più di 1400 salvataggi in montagna nei primi sette mesi del 2015; oltre 1900 nel 2014. Sono i numeri del Soccorso alpino della Guardia di finanza che celebra oggi a Expo il suo 50esimo anniversario nel corso di un convegno a Palazzo Italia dedicato a ‘Il ruolo della guardia di finanza a tutela dell’uomo, dell’ambiente e della montagna’. Il generale di brigata Giovanni De Roma spiega che la scelta di ricordare l’anniversario a Expo nasce dal fatto che il tema dell’Esposizione universale “ben si coniuga con il ruolo della Gdf in ambiente montano”.
Fondato nel 1965, il gruppo delle Fiamme gialle conta oggi su 26 stazioni in tutta Italia e 50 unità cinofile che aiutano gli oltre 300 finanzieri nelle attività quotidiana in alta quota. “Le nostre 26 stazioni di soccorso – spiega il colonnello Stefano Munari – sono composte in media da 11-15 persone, con delle unità cinofile per la ricerca in superficie, sotto le valanghe o le macerie”. Gli interventi di soccorso, sottolinea, sono “un segnale di vivacità dei nostri uomini e delle nostre stazioni che sono radicate nel territorio”.
I finanzieri, aggiunge il colonnello, “esercitano anche funzioni di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza, tutela ambientale e salvaguardia della vita umana”. Gli addestramenti “avvengono – spiega – nella nostra Scuola alpina di Predazzo, in Val di Fiemme”. Il generale De Roma sottolinea il ruolo svolto dal Sagf in tutta Italia, “un servizio – conclude – che permette di vivere la montagna in sicurezza e tranquillità”.