Elezioni: Pd stringe con alleati, Cp chiede impegno su Ius Soli (2)

72

(AdnKronos) – Da sinistra si fa sapere che la presidente sarebbe in avvicinamento alla nuova lista che nascerà domenica prossima a Roma. “Ma quale avvicinamento? Se fosse così perchè avrebbe fatto ieri la nota in cui ha chiesto di non coinvolgerla fino al termine della sessione di Bilancio?”, dicono da Campo progressista. In più c’è anche una polemica su quanti deputati seguiranno o meno Pisapia nella ormai probabile alleanza con il Pd. “Non più di 4: Ferrara, Zaratti, Ragosta e Martelli”, è l’elenco fatto da Mdp. Ribattono da Campo progressista: “Quattro? Alle ultime riunioni, di parlamentari presenti ne abbiano contati 12…”.
Se le decisioni di Boldrini sono ancora oggetto di discussione, da sinistra non si discute la discesa in campo di Pietro Grasso. “Di Grasso -dice Speranza- penso tutto il bene possibile. È stato un esemplare servitore dello Stato”. Per il presidente del Senato è stata messa a punto anche la scaletta degli interventi di domenica all’assemblea nazionale. Parleranno esponenti di associazioni, società civile, quindi Pippo Civati, Nicola Fratoianni e Roberto Speranza e a chiudere, poco prima dell’ora di pranzo, ci sarà Grasso, appunto. “In zona Tg”, si specifica.
All’assemblea del 3 non verrà presentato il simbolo, si conferma, ma lanciato il nuovo nome e ‘Liberi e Uguali’ oggi è tornato in pole position tre le ipotesi in campo. Non vi sarà un documento da votare, ma i 1500 delegati saranno chiamati a dare il via “per acclamazione” al percorso. Organigrammi e struttura del nuovo soggetto si faranno più in là. E’ probabile che per la campagna elettorale resterà una “reggenza Civati-Fratoianni-Speranza” con Grasso “frontman” della lista.