Amore e passione, cavalli e Giostra del Saracino, sono questi i motivi che portano Adalberto Rauco, un ragazzo di ventidue anni, a lavorare ogni giorno, anche la domenica mattina a novembre.

Adalberto Rauco ci accoglie alle scuderie in località Cafaggio tra Castelluccio e Ponte Buriano un’oasi di tranquillità un paradiso, dove si allena quotidianamente. Prima di iniziare il video per fare l’intervista, scambiando qualche parola con lui, traspare molto bene l’amore per i cavalli che in lui c’è sempre stato fin da bambino. Quello per la Giostra è venuto qualche anno più tardi e oggi tutto questo fa parte della sua vita. Frequenta gli studi all’università di Firenze e la prossima primavera si laurea in agraria.

La “Scuderia Rauco” è stata inaugurata nel 2016 e qui Adalberto ha tutto per curare la sua preparazione tecnica e dei cavalli per quelle competizioni che lo vedono impegnato durante l’anno. Ancora la stagione agonistica del 2017 non è terminata, l’ultima gara all’Equestrian Centre di Arezzo il prossimo 8 dicembre.

Rauco il 2017 non lo dimenticherà tanto facilmente dopo le tre vittorie conquistate in tre manifestazioni diverse. La prima affermazione è arrivata nel mese di giugno al Palio delle Contrade a San Secondo Parmense allo spareggio contro Enrico Giusti. Nella Prova Generale di giugno torna protagonista dopo l’esordio del settembre 2014 in coppia con Filippo Fardelli a Porta Crucifera.

Dall’esordio di quel 5 settembre per tornare in piazza sono passate alcune edizioni in mezzo il passaggio a Porta del Foro. Tornato in piazza, ha mostrato tutte le sue qualità. Un quattro colpito nella “Provaccia” di giugno e poi il grande colpo; arriva la vittoria a settembre nella “Prova Generale” dedicata a “Capitan Ciuffino” in coppia a Davide Parsi colpendo il centro con una carriera bellissima. Prima però ad agosto Adalberto Rauco ha messo in fila tutti gli avversari nella Giostra di Simone a Montisi andando a vincere al suo esordio da titolare.

Rauco ha lavorato con molti istruttori: Manuele Formelli, Marco Filippetti, Serena Cecconi. Carlo Farsetti è stato il più importante e lo è ancora oggi negli allenamenti in preparazione della gara di San Secondo Parmense.

Queste vittorie hanno acceso i riflettori su questo giovane cavaliere che ha mostrato grandi qualità tecniche e mentali dimostrando equilibrio e freddezza quando si trova ad affrontare la competizione.

Convinto che il lavoro sia l’unica strada per migliorarsi e raggiungere risultati positivi nelle gare che deve affrontare. Da quando i cavalli sono a Cafaggio nella sua nuova scuderia, ha raggiunto una serenità mentale che gli permette di prepararsi nel migliore dei modi.

Prima di salutarlo ci facciamo dire se Adalberto Rauco ha un sogno nel cuore: “Correr giostra e vincerla“. Un sogno, un obiettivo forse nemmeno troppo lontano. Un ragazzo di ventidue anni che riconosce nel lavoro quotidiano l’unica strada per crescere ancora e vincere la sfida più affascinante. Quella sfida che ogni mattina lo porta a Cafaggio.

Giostra Web Time: abbiamo incontrato Adalberto Rauco giovane giostratore di Porta del Foro vincitore della Prova Generale della Giostra del Saracino di settembre

Pubblicato da Arezzoweb.it su Lunedì 20 novembre 2017