Manovra: Marcon, usare spesa pubblica per lavoro, ambiente e diritti

46

Roma, 13 dic. (AdnKronos) – “Abbiamo presentato una serie di emendamenti per cambiare segno ad una Legge di Bilancio opaca e modesta. Una serie di proposte che guardano al Paese in crisi. Da un piano per il lavoro fondato su investimenti pubblici alla salvaguardia definitiva degli esodati. Dalla modifica dell’età pensionabile all’abbassamento a 65 anni per beneficiare dell’assegno sociale. Da un tributo sugli yacht milionari, abolito dal governo Renzi, al 2% dei diritti televisivi del business dei grandi eventi sportivi per lo sport sociale per tutti”. Lo afferma il capogruppo di Sinistra Italiana-Possibile ed esponenti di Liberi e Uguali Giulio Marcon.
“Ma anche emendamenti sulla lotta ai cambiamenti climatici e sul diritto allo studio, per l’abrogazione dei superticket e per finanziare con 100 milioni in più il servizio civile. La legge di Bilancio non affronta e non risolve i nodi veri del Paese. Con i nostri emendamenti vogliamo cambiare la Legge di Bilancio e metterla al servizio dei bisogni reali degli italiani che sono il lavoro, il welfare e l’ambiente”.