Meno alti dei pinguini, un convegno sul sistema educativo 0-6 anni

Sabato 25 novembre, Arezzo ospita un evento per discutere di nuove proposte sui servizi per l'infanzia L'iniziativa è organizzata da Progetto 5 con il sostegno della Fondazione Graziella - Angelo Gori Onlus

892

Arezzo ospita un convegno di portata nazionale per discutere e riprogettare il sistema educativo per i bambini da zero a sei anni. L’iniziativa, dal titolo “Meno alti dei pinguini – Spunti e riflessioni per una rinnovata idea dell’infanzia”, si terrà sabato 25 novembre presso la Casa delle Culture e riunirà relatori da tutta la penisola con l’obiettivo di individuare possibili prospettive ed orizzonti futuri di sviluppo per i servizi pedagogici fin dalla nascita, proponendo un intenso programma di conferenze, tavole rotonde e workshop. I promotori dell’evento sono la cooperativa sociale Progetto 5, la cooperativa culturale Giannino Stoppano di Bologna e la libreria La Casa sull’Albero, con il patrocinio e il sostegno di molte istituzioni e realtà aretine come la Fondazione Graziella – Angelo Gori Onlus che ha sostenuto il progetto in virtù del contributo alla crescita culturale e sociale del territorio.

“Meno alti dei pinguini” trova le proprie radici nella recente approvazione del decreto legislativo sul sistema integrato di educazione ed istruzione dalla nascita a sei anni che costituisce un passo in avanti per il consolidamento dei diritti di tutti i bambini ad avere pari opportunità di cura, educazione, relazione, gioco ed istruzione. Il convegno mira a costruire un’occasione di riflessione intorno al mondo dell’infanzia per individuare i progetti di sviluppo dei servizi educativi, andando a costituire un network tra cooperative, imprese, agenzie educative, operatori culturali, famiglie e associazioni che a vario titolo si occupano dell’infanzia. «Una positiva fonte di arricchimento e di confronto – spiega Alessio D’Aniello, direttore di Progetto 5, – sarà rappresentata dallo studio di esperienze e sperimentazioni significative già attuate a livello regionale e nazionale, favorendo la proposta di costituire un tavolo permanente sul territorio italiano per rendere possibile il confronto, lo scambio di idee e la nascita di nuove proposte in ambito pedagogico incentrate sui diritti del bambino».

Il convegno si aprirà alle 9.00 con i saluti istituzionali, seguiti dalla presentazione dei lavori a cura di D’Aniello. La giornata entrerà nel vivo con la pedagogista Francesca Grasso che tratterà il tema “Sistema 0-6, quali bisogni dei bambini accoglie?”, anticipando una videointervista al ministro dell’istituzione Valeria Fedeli e una tavola rotonda moderata da Loretta Fabbri dell’Università di Siena alla presenza di rappresentanti del mondo istituzionale, medico ed educativo per inquadrare il “sistema 0-6” da un punto di vista normativo e storico. Nel pomeriggio si susseguiranno cinque workshop su svariate tematiche (ad esempio l’innovazione e la sostenibilità nell’architettura per l’infanzia) che presenteranno i progetti innovativi presenti sul territorio nazionale e che permetteranno ai partecipanti di portare un contributo sulle questioni relative ai servizi educativi. La conclusione sarà infine alle 16.30 con un’esibizione di Teatro-danza di Valentina Sechi, con un piccolo assaggio dello spettacolo per bambini “La casa del Panda”.