Menù scolastici: prima risposta dell’amministrazione

In programma anche un incontro con la Asl e la ditta fornitrice

1323
Studenti a scuola

Si terrà giovedì alle 15,30 l’incontro tra l’assessore alle politiche educative e scolastiche Lucia Tanti e i rappresentanti della Asl e della ditta fornitrice dei pasti alle mense scolastiche. Ma il Comune ha già dato una prima risposta alle famiglie che in questi giorni hanno sollevato la questione della quantità del cibo.

“Rientra nella disponibilità del Comune – sottolinea Lucia Tanti – la decisione se aumentare o meno la grammatura di pasta, carne, frutta e verdura che compone ogni singola dose per un tetto massimo del 10%. Questo provvedimento è già stato preso, è stata data comunicazione alla ditta mentre stiamo predisponendo analoga informativa da inviare anche ai dirigenti scolastici. Ma non ci fermiamo qui ed ecco il motivo dell’incontro con la Asl che è l’ente competente per i menù e le relative grammature così come è giusto che sia visto che si tratta di politiche legate alla salute e vidimate da un nutrizionista.

Riteniamo infatti che l’esigenza delle famiglie di una corretta nutrizione dei propri figli sia un elemento imprescindibile perché il pasto è un momento che attiene, al pari dell’insegnamento e del gioco, alla dimensione educativa dei bambini. Quindi ci confronteremo proprio su questi aspetti. Due ultime considerazioni: la prima è che la qualità del cibo non è stata messa in discussione dalle famiglie. Ovviamente nostro intento resta quello di continuare ad abbinare qualità e quantità necessarie. In secondo luogo, voglio rassicurare che garantiremo sempre menù modulati in base a esigenze particolari, confermando attenzione costante a patologie o specifiche intolleranze”.