Università: rettore, -17% finanziamenti pubblici per studente in sei anni

114

Milano, 20 mar. (AdnKronos) – “Il sistema delle università italiane presenta un lento ma inesorabile indebolimento” che “per il Politecnico di Milano si traduce in una diminuzione di oltre il 17% del finanziamento pubblico per studente negli ultimi sei anni”. Lo ha evidenziato il rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta, in occasione dell’inaugurazione del 154esimo anno accademico, indicando in 4.663 euro il calo per ciascuno studente nell’arco dei sei anni. Resta si è detto “non disponibile a perdere giovani di valore. Il nostro impegno è offrire loro una formazione che li prepari a gestire la complessità e l’interdisciplinarità, mantenendo apertura alle diversità e attenzione all’impegno sociale e alla innovazione”.
Nel triennio 2017/19 saranno investiti “5 milioni di euro in innovazione della formazione, in particolare per soft skills, contenuti digitali e Moocs, aule per l’apprendimento attivo e contenuti multidisciplinari non solo tecnologici”. “Non possiamo pensare di trattenere giovani talenti se non investendo nell’inserimento, nella stabilizzazione dei ricercatori e nella ricerca. nel prossimo triennio aumenteremo il reclutamento di ricercatori del 50% rispetto al naturale turnover e del 40% il sostegno dell’Ateneo a favore dei dottorati di ricerca, per sostenere con forza che si può fare ricerca e innovazione a Milano e in Italia”.
L’obiettivo è “vedere competere la vivibilità dei nostri campus di Bovisa e Città Studi con i migliori standard europei – ha concluso il rettore – grazie all’investimento in nuovi laboratori per la ricerca e la didattica, aree verdi e di aggregazione, spazi studio e strutture sportive”.