Banche: Federcasse, bene correttivi a riforma Bcc ma senza destabilizzare

55

Roma, 15 nov. (AdnKronos) – “Ben vengano correttivi che possano ulteriormente migliorare la struttura stessa della riforma, ma senza destabilizzare il sistema. Lo spirito ed i legami di solidarietà della categoria non possono venir meno. Si tratta di una solidarietà ‘obbligata’ perché comune e specifico per tutte le Bcc, Casse Rurali e Casse Raiffeisen è il quadro normativo che ne regola l’attività”. A sostenerlo in una nota congiunta sono Federcasse e Confcooperative, in relazione alle nuove proposte di modifica della riforma del Credito Cooperativo.
La solidarietà fra le Bcc, rilevano, “non può venire meno se non al prezzo di un indebolimento generale del sistema, con grave danno per la tenuta del tessuto economico e sociale del Paese, in questo senso ricordando anche come le Bcc e Casse Rurali siano ‘palestre’ di democrazia economica e di partecipazione, nonché alla possibilità di continuare a sostenere efficacemente famiglie ed imprese”.
Gli ultimi dieci anni, successivi allo scoppio della grande crisi economico-finanziaria, sottolineano ancora Federcasse e Confcooperative, “hanno evidenziato come un modello di banca alternativo, mutualistico e di comunità, sia stato capace di resistere e di reagire senza danni per i soci, per i clienti e per le casse pubbliche, anzi accrescendo la propria capacità di finanziamento dell’economia reale”.