Dal Brasile ad Arezzo, Fabio Silva racconta la storia di Porto Social

Lunedì 23 aprile, l’Urban Creatività Lab ospita il secondo incontro della rassegna “InspiringPeople”. Il modello di imprenditoria sociale di Fabio Silva sarà raccontato ai ragazzi dell’associazione Verso

1465

Dal Brasile ad Arezzo per raccontare ai giovani l’esperienza di Porto Social, uno dei più innovativi modelli di imprenditoria sociale nati nel Paese Sudamericano. A parlarne sarà lo stesso ideatore del progetto, Fabio Silva, che alle 16.00 di lunedì 23 aprile sarà ospite dell’Urban Creativity Lab di via Leone Leoni per un incontro inserito all’interno del ciclo InspiringPeople, la rassegna organizzata dall’associazione Verso con lo scopo di portare in città uomini e donne considerati fonte d’ispirazione per costruire un futuro migliore. L’iniziativa si rivolge prevalentemente ai ragazzi che ogni giorno frequentano e animano con le loro attività i locali dell’Urban Creativity Lab ma è aperta alla partecipazione dell’intera cittadinanza, che potrà ascoltare la storia e il percorso professionale di un personaggio che con intuizione, coraggio e volontà è riuscito adavviare un positivo cambiamento in uno stato complesso come il Brasile.

Nato nel 1977, Fabio Silva ha da sempre rivolto le proprie competenze per fornire supporto, formazione e coordinamento al mondo del volontariato prima nella sua città, Recife, e poi in tutto il Paese, promuovendo ad altissimo livello una cultura della solidarietà e dell’aiuto reciproco. Questo lavoro ha trovato compimento nel 2016 con la nascita di Porto Social, un’organizzazione che fornisce sostegno professionale e manageriale a progetti sociali molto diversi tra di loro, attraverso una rete che unisce circa cinquanta imprese, associazioni e organizzazioni non governative. L’iniziativa di “imprenditoria sociale” di Fabio Silva è orientata a portare un contributo forte e organizzato alle varie situazioni di difficoltà emerse nel Paese, con un impegno volto a far crescere i singoli progetti, amigliorarne la qualità, a favorire la ricerca di fondi o ad organizzarecorsi di formazione. Questa esperienza ha suscitato notevoli attenzioni internazionali (nel 2017 il progetto è stato presentato anche a Papa Francesco) e sarà ora messa a disposizione della città di Arezzo come racconto professionale e di vita, con un pomeriggio che fornirà una preziosa occasione di confronto e di crescita per ragazzi, educatori, volontari ed operatori sociali. «Fabio Silva spiegherà cosa significa fare imprenditoria sociale in un Paese complesso come il Brasile – spiega Marco Montanari della Verso. Questo incontro mostra perfettamente la finalità formativa della rassegna “InspiringPeople” che vuole offrire fonti eterogenee di ispirazione per i ragazzi dell’Urban Creativity Lab e, in generale, per i giovani di Arezzo. La conoscenza diretta di persone che, in varie parti del mondo, sono riuscite a lasciare un cambiamento positivo realizzando qualcosa di eccezionale, rappresenta uno stimolo per fiorire, per orientare la propria vita in modo creativo e per sognare lucidamente oltre i limiti che spesso sono solo racconti creduti veri, rendendosi preziosi per sé e per il mondo».