Iran: Fitto, da Bruxelles dichiarazioni inaccettabili

75

Roma, 3 gen. (AdnKronos) – “C’è una soglia oltre la quale non si può più tollerare e accettare in silenzio un comportamento inqualificabile. Dinanzi a una vicenda drammatica, quando siamo ormai a una settimana di manifestazioni per la libertà a Teheran, con decine di persone assassinate e centinaia di arrestati, giunge oggi una dichiarazione di Federica Mogherini che suona come incredibile. Parla di ‘perdita di vite’ (come se le morti fossero il frutto di una casualità) e si rivolge a entrambe le ‘parti in causa’, invitando gli uni e gli altri ad evitare la violenza, di fatto affermando una inaccettabile equidistanza europea tra il regime e i manifestanti per la libertà”. Lo afferma Raffaele Fitto, presidente di ‘Noi con l’Italia’.
“Dieci giorni fa, non si sa con quale mandato, aveva risposto in modo irridente e offensivo al Primo ministro israeliano Netanyahu, ed era già un atto politicamente grave è discutibile. Oggi -lamenta Fitto- giunge un atto politico ancora più grave: mentre le donne di Teheran si battono in modo commovente per liberarsi del velo, mentre tanti iraniani cercano una speranza di libertà, da Bruxelles arriva una dichiarazione inaccettabile. So bene che la situazione iraniana è delicata e gli sviluppi sono incerti. Ma a maggior ragione tocca all’Europa, all’Occidente difendere alcuni principi. Come si fece negli anni Ottanta a sostegno dei dissidenti sovietici, o del movimento polacco Solidarnosc. La prima cosa da fare ora è proteggere gli arrestati”.