Le Giostre disputate il 2 settembre

Delle 136 edizioni della Giostra sin qui disputate 11 si sono corse il 2 settembre. Curiosando ci accorgiamo che la prima volta che questa data e la Giostra si incontrano non è domenica (come consuetudine nell’edizione di settembre) ma sabato. La 23^ edizione della Giostra si corre infatti in notturna, sarà la 3^ della serie, e di sabato. La manifestazione ha inizio mezz’ora più di quanto succeda ai giorni nostri. Alle 22.00, infatti, fanno il loro in Piazza i Carabinieri a Cavallo ed al termine della loro esibizione entreranno le compagini dei Quartieri. Primo ad Affrontare i Buratto è Porta Crucifera seguito da Porta Santo Spirito, Porta Sant’Andrea e Porta del Foro. Punteggi alti, per il periodo che stiamo trattando, al termine della prima tornata di carriere. I Cruciferini, Santo Spirito e Porta del Foro hanno infatti 4 punti seguiti a ruota da Sant’Andrea. Tutto cambia con i secondi cavalieri. Porta Crucifera e Porta Santo Spirito non vanno il due e Sant’Andrea marca addirittura uno zero causa il colpo contro il ferro che delimita lo scudo del Buratto da parte del suo giostratore. Gioco facile, a questo punto per il giostratore giallo cremisi mirare al tre e portare in San Lorentino la Lancia d’Oro.

Delle altre edizioni ricordiamo quella del 2 settembre 1979. Dopo tante Giostre in Sant’Andrea Franco Ricci esordisce con Porta Crucifera. Porta del Foro apre la giostra con un 4. E’ poi la volta di Franco Ricci. Colpisce il 4 ma, forse a causa di un infortunio subito ad Ascoli, la sua mano non regge l’impatto contro il Buratto e la lancia gli cade. Al tempo esisteva ancora la linea di demarcazione. Se la lancia fosse caduta tra il Buratto e questa il punteggio sarebbe annullato se cadeva oltre la linea si manteneva quanto marcato. In questo caso la lancia cadde entro la linea di demarcazione e quindi ai rosso verdi fu assegnato uno “zero”. Gli altri quartieri marcarono 4 punti. Nella seconda tornata di carriere la stessa sorte di Ricci è riservata all’altro giostratore di Porta Crucifera, Eugenio Vannozzi. Marca solo due punti e perde la lancia che sbatte contro un Maresciallo dei Carabinieri appostato nei pressi dalla linea per poi ricadere all’interno. E’ la scintilla che porterà al rinvio. Porta Crucifera protesta sostenendo che la lancia è caduta dentro la linea di demarcazione quindi non si dovranno assegnare punti a Porta del Foro. Naturalmente i giallo cremisi sono di opinione opposta. Si va avanti così per molto tempo poi la Giuria emette il suo verdetto: la lancia è caduta dentro e quindi zero punti. Sono ora portacolori del quartiere della Chimera a protestare animatamente. Si va avanti con le proteste ed i tentativi, da parte delle forze dell’ordine, di ripristinare le condizioni perché la manifestazione abbia la sua giusta conclusione ma tutti i tentativi non sortiscono effetto e si arriva così alle soglie della sera con il buio che impedisce una corretta visuale. “La Giostra è annullata” dichiara l’Araldo leggendo il biglietto consegnatogli dalla Giuria. “No è sospesa” interviene al microfono il rettore di Porta Santo Spirito. Sarà una settimana movimentata e caotica, una settimana di trattative affinché tutte le rappresentanze dei quartieri si presentino in Piazza per la conclusione della manifestazione. E’ si proprio “la conclusione”. Il regolamento infatti non prevedeva l’integrale ripetizione della stessa come succede oggi quindi si sarebbe ripartiti da dove eravamo rimasti: Porta Sant’Andrea e Porta Santo Spirito erano gli unici con un solo tiro all’attivo, gli altri fuori. La decisione non è condivisa dagli esclusi che dopo molte trattative si accordano per fare scendere in Piazza le loro rappresentative, leggere un comunicato con il quale si dissociavano da quanto deciso e quindi uscire dalla Piazza. Si arriva così al 15 settembre. La Piazza è stata liberata dalle tribune ed il pubblico assiste in piedi (ingresso gratuito) alla conclusione della Giostra. Vincenzo Verità marca 3 punti e porta Sant’Andrea ad un totale di 7. Tira Silvano Gamberi che con un 4 supera gli avversari e da la vittoria a Porta Santo Spirito.

Dopo aver ricordato queste due particolari edizioni disputate il 2 settembre vediamo l’Albo d’Oro per questa data: Porta Santo Spirito 4 vittorie, Porta Crucifera e Porta del Foro seguono con tre mentre Porta Sant’Andrea si è affermata in una sola occasione.