M5S: padre Di Battista a Renzi, io sempre fascista? Tu grullo

Roma, 5 nov. (AdnKronos) – “Mi hanno inviato un link in cui quel facciotto bolso del Grullo di Rignano, attacca Alessandro affermando che il padre, di lui Grullo, Tiziano, il barba elettrica fusa, è stato scagionato mentre il padre, di Alessandro, cioè io, ‘rimane sempre un fascista’. Questa è una affermazione che mi offende e mi preoccupa particolarmente. Essere definito ‘sempre un fascista’ da uno che rimane sempre un Grullo, è cosa estremamente avvilente che cercherò di superare facendo finta di diventare un trafficante di influenze, un millantatore e aggiungo un fallito bancarottiere e aggiungo fraudolento ed aspettare di essere scagionato dai Magistrati”. Lo scrive in un post su Facebook Vittorio Di Battista, padre di Alessandro, in cui risponde a Matteo Renzi.
“Già, però, pure cosi facendo, rimango sempre un fascista, scagionato ma pur sempre fascista. Quindi? – prosegue il padre del ‘Dibba’ – Quindi non so che fare. Magari fingo pure di essere uno del Pd, magari orfano del Nano, magari estimatore del Grullo, magari frequentatore della Leopolda e magari distruttore del Pd e delle idee della sinistra. Almeno, da ‘sempre un fascista’, senza olio di ricino, senza manganello, senza violenza e senza neppure un vaffanculo, potrei contribuire alla definitiva sparizione del partito Democratico, di quello della Leopolda e di quello personale e familiare del Grullo di Rignano”.