Manovra: Bonisoli, mi piace tutto Paese, reddito cittadinanza strumento giusto

11

Milano, 15 dic. (AdnKronos) – “Questo Paese mi piace tutto, dalle Alpi al Canale di Sicilia. E credo che il reddito di cittadinanza sia lo strumento che serve a questo Paese ed è ora che il Paese abbia uno strumento che faccia quello che fa il reddito di cittadinanza. Se non ci piace il nome glielo possiamo anche cambiare, ma questo è quello che deve fare”. Lo ha detto Alberto Bonisoli, ministro dei Beni culturali, a margine di un incontro con la cittadinanza a Milano, dopo le parole del sottosegretario Giancarlo Giorgetti sul reddito di cittadinanza.
In ogni caso, ha continuato il ministro, “non mi risulta” che si siano tensioni con la Lega e un possibile passo indietro della Lega “non è all’ordine del giorno. Sono assolutamente sereno”, anche perché “nel contratto abbiamo già fatto questo discorso e abbiamo deciso. La Lega, che nel suo programma non aveva il reddito di cittadinanza, ha accettato di portare aventi un’azione politica che introduca in Italia il reddito di cittadinanza, così come noi, che non avevamo alcune misure in termini di sicurezza che la Lega riteneva importanti, abbiamo accettato di portale avanti”.
Nel corso dell’incontro Bonisoli ha spiegato che “con gli altri membri del governo lavoro bene, il clima all’interno del governo è molto buono. Io non sono diventato leghista e loro non sono diventati dei 5 Stelle”. Sul reddito di cittadinanza “il vero punto è quanto riusciremo a essere veloci per mettere in moto l’intera macchina. Dovremo lavorare molto intensamente per riformare i centri per l’impiego, che al momento è l’area di maggiore attenzione”, ha concluso.