“Marie”, una mostra fotografica per raccontare la sclerosi multipla

Domenica 10 giugno, la Casa dell’Energia ospita le foto di Lorenzo Magistrato sul tema della malattia

7669

La fotografia diventa lo strumento per raccontare la sclerosi multipla. Domenica 10 giugno, alle 18.00, sarà inaugurata la seconda edizione della mostra “Marie” che, ospitata dalla Casa dell’Energia e visitabile fino al 23 giugno, proporrà un percorso artistico tra tante immagini con cui il fotografo aretino Lorenzo Magistrato accompagnerà alla scoperta della quotidianità e degli stati d’animo di una ragazza affetta da una patologia che, solo in Italia, conta 68.000 malati. La protagonista degli scatti è una trentasettennedi Strasburgo che è rappresentata in vari momenti della giornata, evidenziandone la malattia per comprenderla nei suoi tanti aspetti e per coglierne la natura. Magistrato ha rappresentato Marie con una serie di fotografie intime, quasi rubate, che la mostrano quando è al lavoro, mentre svolge attività fisica o in ambienti più familiari tra letti disfatti e stanze in disordine.

Ad emergere è un messaggio di speranza che, all’apparenza, sembra in contraddizione con il dramma di una malattia degenerativa per cui non esiste una cura nota e che può portare alla disabilità fisica e cognitiva: nonostante i problemi, Marie appare infatti positiva, luminosa e forte, affrontando tutte le attività quotidiane con una positiva carica di entusiasmo. Questo messaggio sembra in contrapposizione anche con quanto illustrato nella prima edizione di “Marie” del 2016, quando Magistrato era stato testimone delle fasi iniziali della malattia e aveva raccontato le sofferenze fisiche ed emotive vissute da una giovane ragazza improvvisamente colpita da sclerosi multipla, con un’apprezzata mostra che è stata esposta in tante città italiane e straniere. A distanza di due anni, invece, appare una Marie diversa che non si è piegata al male ma che l’affronta con il sorriso e con il desiderio di godere della vita in tutta la sua pienezza. La mostra, visitabile gratuitamente, proporrà dunque un’occasione per conoscere la malattia da un inedito punto di vista, con una finalità divulgativa e informativa che ha trovato l’appoggio della Provincia di Arezzo, dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, dalla Fraternita dei Laici, della Fondazione Graziella – Angelo Gori Onlus e di aziende quali Novart. «“Marie” spiega Magistrato, – è frutto di tanti mesi di lavoro tra la Francia e l’Italia, che hanno permesso di fornire uno spaccato tra emozioni forti e contrastanti legate alla sclerosi multipla, una malattia che può colpire chiunque e ad ogni età. La mostra nasce per sensibilizzare e informare la cittadinanza su questa malattia e il racconto della quotidianità di Marie permetterà di comprenderla e di capirla, ma fornirà allo stesso tempo anche un positivo esempio su come affrontarla con la sicurezza e con il sorriso».