Santo Spirito Regina torna padrona della piazza. Vittoria numero 36

Scortecci assoluto protagonista con un doppio centro. Il maestro di campo fa ripetere la carriera a Cicerchia per i disturbi subiti sulla lizza.

1023

La Colombina torna padrona della piazza e si aggiudica la preziosa lancia d’oro dell’artista Gustavo Aceves. Non bastano le carriere ordinarie occorre uno spareggio contro un rinato Porta Crucifera per portare la lancia ai Bastioni.

La coppia Cicerchia Scortecci si conferma regina di piazza grande e se qualcuno aveva qualche dubbio è stato messo subito a tacere. Dall’esordio nel 2012 i Ragazzi Terribili hanno conquistato nove lance d’oro in quindici giostre disputate.

Quella di oggi è stata una giostra emozionante e piena di colpi di scena. L’incognita pioggia ha fatto tremare per il rinvio ma poi alla fine tutto è andato liscio, presente in tribuna d’onore l’autore della lancia d’oro Gustavo Aceves.

Porta del Foro apre la piazza con Vernaccini in sella a Brighella ma non ottiene il punto sperato è un quattro lontano dal centro. Subito dopo è la volta di Gianmaria Scortecci e il cavaliere giallo blu in sella al suo Napoleone cancella il centro. Tocca a Porta Crucifera che manda al pozzo Vanneschi e il giovane giostratore rosso verde alla sua seconda giostra pareggia il colpo di Scortecci: cinque. A chiudere le prime carriere è Marmorini l’eroe della giostra di giugno ma questa volta il tiro è basso e si ferma sul due.

 

E’ il turno in seconda carriera e Davide Parsi per Porta del Foro è costretto a marcare il cinque per provare a restare in gioco. Il colpo si ferma sul quattro. Porta del Foro si ferma a otto punti. Cicerchia in sella a Toni parte dal pozzo ma a metà lizza un evidente disturbo costringe il cavallo a fare uno scarto penalizzando il tiro che si ferma sul quattro. Il Maestro di Campo non ha il minimo dubbio e fa ripetere la carriera tra le proteste degli altri quartieri. Nella ripetizione Cicerchia deve gestire il cavallo che scarta nuovamente e il suo tiro si ferma sul quattro. Adesso Rauco per Porta Crucifera può chiudere la giostra. Non ci riesce per poco ma il suo quartiere con nove punti è allo spareggio con Santo Spirito. Chiude Vedovini salutando Peter Pan alla sua ultima carriera in piazza con un centro bellissimo. Fuori Sant’Andrea e Porta del Foro, agli spareggi è un gioco a due.

Porta Santo Spirito manda al pozzo Scortecci che si ripete con uno splendido centro. Adesso tocca a Vanneschi, il giostratore scelto dai rossoverdi per spareggiare. Niente da fare il suo tiro va sul due mandando la lancia d’oro ai Bastioni.

Il popolo giallu blu esulta per la conquista della 36esima lancia d’oro.

Una vittoria di forza quella dei giallo blu dopo quella di giugno non all’altezza. La coppia Cicerchia – Scortecci dimostra, se ce ne fosse bisogno, di essere la più forte e più affidabile. Le due carriere di Cicerchia (la prima annullata) potevano andare molto peggio nel tabellone ma il giostratore è stato bravissimo a chiudere il punteggio sul quattro. Scortecci è l’eroe della giornata con un 5+5. In entrambe le carriere Scortecci mostra tutta la sua classe che è superiore a tutti gli avversari. E’ lui che fa la differenza ed è lui che mette il sigillo alla vittoria numero 36.

La prima vittoria senza Martino Gianni segna definitivamente la crescita e la maturità dei due giostratori e di tutto il quartiere. Santo Spirito torna padrona della piazza dopo due sconfitte consecutive. Torna protagonista assoluta posizionandosi a una sola lunghezza dalla coppia in testa all’albo d’oro.

Per gli altri invece luci ed ombre: Porta del Foro continua il digiuno e adesso entra nel dodicesimo anno di astinenza dalla vittoria. La coppia Vernaccini – Parsi non riesce ad esprimere il potenziale che fa vedere durante le prove ma il quartiere non può attendere ancora molto; la mancanza dalla vittoria è un peso troppo grande per il quartiere. Il nuovo preparatore Orlandi non è riuscito a far fare il salto di qualità tecnico auspicato adesso l’inverno giostresco a Porta del Foro sarà sicuramente pesante.

Porta Crucifera cresce e dopo l’esordio opaco a giugno della coppia Vanneschi – Rauco i giovani ragazzi rossoverdi si riscattano andando agli spareggi con Santo Spirito con Vanneschi che colpisce il cinque. Smaltita la delusione di giugno i due giostratori sotto la guida tecnica di Farsetti hanno migliorato moltissimo le loro prestazioni tecniche. Il tempo può essere tutto dalla loro parte se il quartiere gli lascerà la tranquillità per crecere.

Ultimo a chiudere la piazza Porta Sant’Andrea fresco vincitore di giugno. Una sconfitta non cancella il valore della coppia e Vedovini lo ha ribadito colpendo il cinque anche questa sera. Da Marmorini ci aspettavamo qualcosa di più dopo l’esordio di giugno ma soprattutto le prove che hanno impressionato tutti in piazza.

Nove mesi per smaltire la delusione ma soprattutto per recuperare il divario che la giostra di settembre ha segnato tra Santo Spirito e tutti gli altri.