Taxi: Fit, Governo ristabilisca regole settore

Roma, 29 nov. (AdnKronos) – Ristabilire le regole nel settore taxi e ncc. A chiederlo è la Fit Cisl: “Sono troppi anni che il settore del trasporto pubblico non di linea subisce proroghe a beneficio dell’irregolarità e a discapito di utenti ed operatori del comparto, che continuano ad essere privati delle minime regole necessarie a fornire le indispensabili tutele”, denunciano, in una nota congiunta, Eliseo Grasso e Alessandro Atzeni, rispettivamente coordinatore nazionale mobilità tpl e responsabile taxi della Fit-Cisl.
“Risultano incomprensibili – affermano i due sindacalisti – tutte quelle posizioni e manifestazioni dei soggetti che, fino ad oggi, hanno beneficiato della totale mancanza di contrasto ai diffusi fenomeni di abusivismo legati all’uso difforme delle autorizzazioni. Non è più tollerabile l’impunità dei soliti astuti, che nei grandi centri urbani usano in maniera stabile titoli autorizzativi rilasciati dai più svariati comuni italiani per soddisfare le proprie esigente territoriali”.
“Noi – continua la nota – siamo pronti ad intraprendere un serio e responsabile confronto per la riforma del settore; il rispristino della normativa vigente è la migliore condizione per l’avvio di un tavolo di confronto. Dopo i molteplici impegni mai mantenuti, i tentativi di riforma del settore mai portati avanti con convinzione, nel rispetto degli impegni presi con i lavoratori, chiediamo alle Istituzioni di dimostrare che esiste veramente la volontà politica di contrastare ogni forma di illegalità a tutela degli addetti e fruitori del servizio”.