Turismo: Intesa Sp, Italia quinta destinazione top al mondo, crescono i laghi

Milano, 23 ott. (AdnKronos) – L’Italia si classifica ancora tra le prime cinque top destination mondiali, nonostante l’aumento delle pressioni competitive: negli ultimi dieci anni sono cresciuti del 45% gli arrivi di turisti non residenti, per un totale di oltre 60 milioni nel 2017. E’ quanto emerge da un’indagine di Intesa Sanpaolo, a cura della Direzione Studi e Ricerche, presentata durante l’incontro ‘Prospettive del turismo 4.0’. In aumento anche le presenze, a 211 milioni nel 2017, in aumento del 30% rispetto al 2008, per un grado di internazionalizzazione ormai prossimo al 50%. I laghi attirano: nel 2017, qui, si sono sfiorati i 27 milioni di presenze di turisti non residenti (+45% rispetto al 2008), di cui il 30% in Lombardia, seconda soltanto al Veneto per capacità di attrazione del “turismo lacuale”.
La Lombardia è tra le regioni più attrattive: con oltre 16 milioni di arrivi nel 2017, 39 milioni di presenze e un grado di internazionalizzazione medio del 61%, superiore alla media nazionale, la regione rientra ormai stabilmente nel novero delle regioni più turistiche, la quarta per turismo incoming. Aumentano anche i turisti cinesi e russi negli ultimi dieci anni, che insieme hanno sfiorato gli 1,6 milioni nel 2017. Il lago di Garda e i suoi d’intorni sono uno dei principali luoghi di attrazione della regione.
A fine 2016 si contavano 23 milioni di presenze di turisti nel comprensorio del Garda, di cui il 30% nel solo Garda lombardo (circa 7 milioni). Le proiezioni per il 2017 evidenziano un trend in salita, con una crescita del 5% circa delle presenze nel totale del comprensorio e dell’8% circa nel Garda lombardo. Quest’ultimo si distingue per un’offerta alberghiera di fascia medio alta, che ingloba complessivamente 24 mila posti letto (il 36% dell’offerta alberghiera di tutto il comprensorio Garda).