Un Comune all’avanguardia: servizi on-line e innovazione tecnologica

I casi di successo e gli sviluppi futuri illustrati dall’assessore Marcello Comanducci

293

Presentato dall’assessore Marcello Comanducci il pacchetto di innovazioni tecnologiche introdotte all’interno della macchina comunale. Focus specifico su tre “casi di successo” ma soprattutto le anticipazioni sugli sviluppi futuri e il Comune che verrà.

“L’idea portante – ha subito precisato Comanducci – è che le nuove tecnologie vadano realmente in direzione della semplificazione della vita per il cittadino-utente. Abbiamo individuato alcuni fondamenti su cui reggere l’intero percorso, ovvero trasformazione dei processi amministrativi, servizi on-line, fatturazione elettronica, nonché il responsabile per la transizione digitale, alle dirette dipendenze dell’organo politico, nella figura del segretario generale”.

Al di la degli aspetti “fisici” della digitalizzazione che si sono sostanziati in più connettività grazie alla fibra ottica e a servizi in cloud, il Comune sta entrando sempre di più nelle case degli aretini in una “veste” on-line, oramai attiva per certificati anagrafici e di stato civile, cambio di residenza, iscrizioni agli asili nido e alle scuole per l’infanzia, richieste per il trasporto scolastico e di agevolazioni tariffarie sulle rette, pagamento delle contravvenzioni, contributo pacchetto scuola. Dalle persone fisiche alle persone giuridiche: le imprese e i professionisti possono infatti gestire on-line le pratiche Suap, edilizie, per i pozzi, per gli scarichi domestici, i permessi Ztl per strutture ricettive e sanitarie, consultare le stesse pratiche depositate presso i servizi edilizia e ambiente, comunicare lepresenze delle strutture ricettive.

E guardando avanti? “Certamente – afferma l’assessore Comanducci – un nuovo sito web di facile accessibilità, esteticamente gradevole e funzionale al miglioramento della comunicazione tra cittadini e pubblica amministrazione. Un prossimo step a cui stiamo lavorando è quello dei patrocini online. Cito poi l’introduzione di PagoPA, il sistema che consente a cittadini e imprese di effettuare qualsiasi pagamento verso le pubbliche amministrazioni in modalità elettronica, facile e veloce, basta inserire il codice dell’avviso per pagare e ricevere la quietanza. L’identità digitale attraverso il sistema Spid, soluzione che permette di accedere a tutti i servizi on-line di Stato, Regioni e Comuni con un PIN unico. Ovviamente nel dovuto rispetto della privacy. L’obiettivo, a fine mandato, è creare un vero e proprio ‘sportello virtuale’che racchiuda tutti i servizi online in un sistema web e mobile. Stiamo parlando di cambiamenti importanti, in linea con gli sviluppi attuali più interessanti. Non vogliamo perdere il treno dell’innovazione per fare del Comune di Arezzo un ente all’avanguardia”.

Ma in attesa del futuro prossimo, già il presente permette di appuntarsi alcuni fiori all’occhiello. Li elenca ancora Marcello Comanducci: “innanzitutto dati liberi nel sito a disposizione di chiunque, ad esempio statistiche, il bilancio comunale, i dati geografici del territorio. È il cosiddetto open data. Secondo aspetto molto importante: la dematerializzazione dei servizi finanziari che richiedevano un’enorme quantità di carta e che ha coinvolto anche la fatturazione e i mandati al tesoriere. Adesso è tutto digitalizzato completamente. E poi Unico per te, l’agenda online per prenotare un appuntamento con loSportello unico, realizzata in house a partire da un software open source. Ha già permesso nei primi tre mesi di toccare quota 3.000 prenotazioni. Vogliamo estendere il servizioall’Archivio storico e a quello delledilizia per permettere di prenotare la consultazione cartacea delle pratiche”.