Ad Arezzo un incontro di SO.SAN. per il Centro Italia

SO.SAN. Solidarietà Sanitaria Lions, ha effettuato un centinaio di missioni all’estero nei paesi del terzo mondo, erogando migliaia di prestazioni mediche e chirurgiche gratuitamente. Da 5 anni, tramite il ‘Progetto Italia’ si è organizzata per erogare varie centinaia di prestazioni medico specialistiche ambulatoriali gratuite a favore degli indigenti presenti sul nostro territorio nazionale. Tale Progetto Italia, che è già operativo anche in Veneto, in Puglia ed in Sicilia, nasce in Toscana e più precisamente nella nostra città e Provincia, ove una ventina di medici libero professionisti hanno dato la loro disponibilità. E’ la prima volta che il settore della medicina privata italiana si organizza in maniera così organica ed estesa per compiere un gesto di solidarietà tanto significativo.

SO.SAN. si avvale poi della collaborazione di Istituzioni ed Associazioni che tramite la firma di un Protocollo d’Intesa, si assumono l’onere di stabilire l’indigenza del bisognoso e di richiederci le prestazioni specialistiche prescritte all’interessato da un medico italiano. Nel nostro territorio provinciale SO.SAN. ha firmato tali protocollo di collaborazione con i Comuni di Arezzo, Castiglion Fiorentino, Cortona, Foiano della Chiana; con la Fondazione Thevenin, con la Fraternita dei Laici, con la Croce Rossa Italiana, con la Provincia di Arezzo e tramitre essa con lo SPRAR di Arezzo e con Pronto Donna; con la Caritas Diocesana di Arezzo, Cortona, Sansepolcro.

Tutto ciò verrà ricordato e celebrato; i medici formalmente ringraziati, sabato pomeriggio al Minerva, alla presenza del Presidente Nazionale SO.SAN., del Governatore Toscano dei Lions, del Sindaco di Arezzo, del Presidente dell’Ordine dei Medici di Arezzo, del Direttore Generale ASL SudEst, dei rappresentanti di tutte le altre realtà pubbliche e private coinvolte; di tante altre autorità Lions. In quella occasione sarà firmato Protocollo d’Intesa con il Comune di Castiglion Fibocchi, che si andrà ad aggiungere alla lista delle strutture che hanno permesso solo in questo ultimo anno nella nostra provincia di erogare gratuitamente una cinquantina di prestazioni specialistiche a bisognosi poveri.

L’evento è co-organizzato dal Lions Club Arezzo Chimera, che la sera stessa festeggèrà i due anni di vita. Due anni durante i quali ha già organizzato attività di servizio a favore del quartiere di Saione (fotografie di Maria Mulas sui palazzi del quartiere, concerto di Natale in chiesa, conferenza storica sull’importanza del quartiere, manifestazione di artisti in strada, varie manifestazioni sportive nei luoghi del quartiere); plurimi eventi di raccolta fondi per la ricostruzione dell’Istituto musicale di Camerino, distrutto dal Terremoto; ha partecipato a differente raccolta fondi per dotare due allevatori terremotati del centro Italia di una abitazione; ha organizzato una camminata contro la violenza di genere (‘il Volo delle Befane’); ha raccolto oltre 2000 paia di occhiali usati da igienizzare e riutilizzare nel terzo mondo; ha contribuito a creare una piccola area ove i carcerati della Casa Circondariale di Arezzo possano incontrare gli amici a quattro zampe; ha offerto a Casa Thevenin un pranzo domenicale in amicizia, con concerto di Voceincanto, una somma in denaro, numerosi libri per la loro biblioteca; ha contribuito alla creazione e distribuzione di Kit ai Pronto Soccorso della Provincia per le donne vittime di violenza; ha accompagnato giovani Down all’aeroporto militare di Grosseto in gita.

Quest’anno ha cooperato al concerto di Natale di Voceincanto, legato alla raccolta fondi per la lotta ai tumori pediatrici, con l’Ospedale Meyer di Firenze; ed ancora organizzerà attività a favore della nostra comunità con ‘il Barattolo d’Emergenza Lions’, a favore soprattutto di chi abita solo, ‘l’Occhio della città intelligente’ a favore degli ipovedenti; e tanto altro ancora.