Andreani (Lega): “Rivendico il mio ruolo, dentro la maggioranza, sulla vicenda lecci. Abbiamo salvato un patrimonio della città”

Egiziano Andreani
Egiziano Andreani

Dichiarazione del consigliere comunale Egiziano Andreani (Lega nord)
Senza vena polemica ma per un’esigenza di chiarimento, vorrei dire che mi sento chiamato in causa perché in una recente intervista rilasciata dal vicesindaco si fa riferimento a un fatto specifico che ha caratterizzato il dibattito all’interno della maggioranza: i lecci centenari dei giardini Porcinai.

Gamurrini poteva fare tranquillamente il mio nome perché sono stato il promotore, dentro la coalizione, del confronto che poi, fortunatamente, ha portato a rinunciare all’abbattimento di quel patrimonio storico e ambientale della città. Lo rivendico con coerenza e senso di responsabilità. E questa mia iniziativa non è stata un freno all’attività della Giunta ma una risposta concreta alle tante istanze dei cittadini che in quei giorni mi pervenivano e che rivendicavano il mantenimento delle piante. Quello era in clima che si respirava in città e che mi sono assunto l’onore di rappresentare.

Dinanzi a questa mia iniziativa, prima il partito a cui appartengo e dopo Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno convenuto che la scelta migliore da fare era la difesa e la salvaguardia di quell’angolo di Arezzo che è oramai entrato nella cornice urbanistica e nello stesso profilo visivo degli abitanti.

In conclusione, oltre a chiedere il rispetto per il ruolo di consiglieri comunali, eletti dal popolo e suoi legittimi rappresentanti dentro le istituzioni, mi sento di aggiungere che buone idee sono di tutti: non solo di chi siede in Consiglio Comunale ma anche dei nostri concittadini. Per questo la Lega è impegnata nel mantenere con essi ogni forma di contatto, per questo è nelle piazze sia come partito che come gruppo consiliare: per ascoltare la voce di Arezzo.