Carabinieri salvano una donna che tenta il suicidio minacciando di buttarsi dal balcone – foto

908

Nel pomeriggio odierno i Carabinieri della Compagnia di Arezzo sono intervenuti in zona Rossellino, presso l’abitazione di una donna italiana, classe 1962, la quale, dal proprio balcone del quarto piano, minacciava di suicidarsi buttandosi di sotto.

Ad allertare i soccorsi è stato il marito della donna. I militari, giunti sul posto, unitamente al personale del 118, si accorgevano subito della gravità della situazione in quanto la donna era in un forte stato di agitazione psicofisica e rifiutava qualsiasi cura medica.

I Carabinieri operanti, acquisite le prime informazioni disponibili dal marito, percepita la situazione di pericolo, allontanavano dall’abitazione tutte le persone accorse in precedenza, e cominciavano a colloquiare con la stessa, la quale proferiva frasi sconnesse e senza senso. Da una prima ricostruzione si poteva intuire che le motivazioni di tale comportamento erano riconducibili ad un aggravamento di uno stato depressivo sofferto nell’ultimo periodo dalla donna.

Durante i primi approcci con la donna, la stessa, una volta capito che erano necessarie cure mediche, tentava di divincolarsi, colpendo involontariamente anche un carabiniere.

I militari, effettuando una vera e propria opera di mediazione, cercando di carpire la fiducia della donna con atteggiamento empatico, prima la accompagnavano all’interno della casa e successivamente la calmavano, facendola desistere dalle intenzioni suicide. Veniva in questo modo consentito l’intervento dei sanitari.

La donna, una volta sedata, è stata accompagnata con una ambulanza presso l’Ospedale San Donato per le cure del caso.