Consiglio comunale di Castiglion Fiorentino incentrato sui numeri

Castiglion Fiorentino
Castiglion Fiorentino

14 punti all’ordine del giorno del consiglio comunale del 22 Novembre. Oltre all’approvazioni di alcuni piani attuativi e del regolamento della biblioteca il fulcro del consiglio comunale di Novembre si incentrerà su 4 delibere inerenti il bilancio e una riguardante la presa d’atto della chiusura della procedura di liquidazione della castiglioni innova srl e la relativa cancellazione dal registro delle imprese.

Di rilevanza l’approvazione della variata composizione del risultato di amministrazione degli esercizi finanzairi dal 2015 al 2018 in attuazione delle misure correttive disposte dalla delibera della corte dei conti n 323 del 3/10/2019. “Con questa delibera, afferma il vicesindaco con delega al bilancio Devis Milighetti, risponderemo ai rilievi della corte dei conti dichiarando che il disavanzo di amministrazione 2016 risulta interamente riassorbito nel risultato di amministrazione del 2017 e 2018 e pertanto il nostro Comune non necessità di mettere in atti gli strumenti dell’art 188 del tuel, visto che il risultato di esercizio del 2018 risulta positivo per un importo di 200.000,00 €.

Un importante risultato ottenuto grazie anche ad un lavoro egregio dei responsabili amministrativi comunali che hanno consentito e suggerito nel corso di questi anni l’impiego di risorse di avanzo libero in investimenti. Una scelta condivisa e sostenuta nel precedente mandato dall’amministrazione Agnelli che attesta responsabilità e lungimiranza ma che soprattutto permette ai cittadini di guardare al futuro con ottimismo in merito alla solidità economica e finanziaria del nostro Comune”. Infine il consiglio comunale fara scorrere i titoli di coda sulla Castiglioni Innova srl con un risparmio totale di oltre 1.500.000,00 € per il Comune. Nel 2008 Castiglioni Innova spa, ex società di trasformazione urbana, durante un’assemblea dei soci aveva già evidenziato consistenti difficoltà finanziarie . Già in quel momento, infatti, venne proposto la realizzazione del capannone per fronteggiare i debiti prevalentemente bancari.

Purtroppo, per la costruzione dell’opera la società s’indebitò ulteriormente per una cifra complessiva di 1.750.000 euro. Tale somma sarebbe stata restituita grazie ad un mutuo della durata di 25 anni da per un importo compreso di interessi di 2.432.000 euro circa. Le rate annue del finanziamento venivano pagate dal canone d’affitto percepito dal comune per circa 124 mila euro annui. L’operazione si è tuttavia rilevata insostenibile nel corso del tempo in quanto la società non era in grado neanche di assolvere alle tasse comunali come ICI ed IMU e con 3 successivi accordi a stralcio che hanno coinvolto il socio di minoranza Iride srl e Banca Valdichiana, l’amministrazione comunale ha acquistato nel 2017 la tettoia del capannone, nel 2018 il magazzino ed infine nel 2019 il terreno adiacente con un ingente risparmio per le casse comunali e permettendo cosi anche la chiusura definitiva della società Castiglioni Innova srl.