Continuano gli arresti dell’Operazione “Duomo Vecchio”

GUARDIA L’INTERVISTA AL QUESTORE DI AREZZO

La Squadra Mobile continua anche dopo la maxi-operazione dell’8 e del 9 maggio scorsi nell’attività di ricerca degli ultimi spacciatori coinvolti nell’indagine sul del Colle del Pionta.

Nella tarda serata di ieri è stato rintracciato e condotto in uno dei pusher più attivi. L’arrestato, un cittadino nigeriano di ventotto anni, in dal 2016, titolare di permesso per “motivi speciali” a fronte del diniego dello status di rifugiato, spacciava cocaina ed facendo consegne in tutta la città, non solo al Parco del Colle del Pionta.

Gli uomini della Squadra Mobile che avevano battuto la città già nelle scorse settimane alla ricerca degli ultimi sei destinatari della custodia cautelare in carcere, lo hanno individuato in zona Saione. L’individuazione non è stata semplice dal momento che spacciatori di questo tipo non hanno una dimora fissa.

Per il cittadino extracomunitario, che è stato trovato con 135 euro in banconote di piccolo taglio e con due cellulari, si sono aperte le porte del carcere di .

Ad oggi gli spacciatori che rimangono in carcere sono trenta. Sei degli indagati sono destinatari invece di misura alternativa al carcere.

Continuano da parte della Questura i servizi di presidio del Pionta con servizi congiunti della di Stato e della . Ieri una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine “” ha rintracciato al Parco un cittadino marocchino con quasi 10 grammi di , senza precedenti, al quale è stata contestata la violazione amministrativa di cui all’art. 75 del D.P.R. 309/90.