Esanime in auto, i carabinieri intervengono per soccorrerlo ma lui li aggredisce. Stava dormendo

Auto - parcheggio

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Valdarno, hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale un italiano, censurato. I militari, unitamente a personale medico, erano intervenuti nel centro di Montevarchi, dopo la segnalazione di una persona esanime all’interno di un’auto parcheggiata.
Non appena provato a “svegliare” l’uomo, i militari sono stati aggrediti sia verbalmente che fisicamente dalla persona, probabilmente sotto l’effetto di alcool o droga, costringendo i Carabinieri ad arrestarlo per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale.

E l’attività dei carabinieri delle stazioni valdarnesi è proseguita. Ecco di seguito gli altri interventi:
I militari della Stazione di Levane, unitamente a personale ispettivo della ASL Toscana Sud-Est, in due diverse occasioni, hanno denunciato in stato di libertà due soggetti italiani, resisi responsabili di violazioni della normativa per la sicurezza sui luoghi di lavoro: nello specifico, in un primo episodio, a seguito di un infortunio dove la vittima, dopo una caduta, riportava lesioni personali giudicate guaribili in 30 giorni, era emerso che il datore di lavoro ometteva di adottare, nel corso dell’esecuzione di lavori che richiedessero l’eliminazione temporanea di dispositivi di protezione, misure di sicurezza equivalenti ed efficaci, nonché ometteva di indicare al lavoratore misure alternative di prevenzione e di protezione.
Nel secondo episodio, il datore di lavoro di una impresa edile, aveva omesso di dotare il cantiere di quadro elettrico idoneo e certificato come previsto dal piano di sicurezza e coordinamento utilizzando il contatore ad uso civile, nonché per non aveva esibito, all’atto del controllo ispettivo, il previsto “piano montaggio, uso e smontaggio” relativo al ponteggio allestito in cantiere; in questo caso, oltre alla segnalazione alla Procura, sono state elevate sanzioni per complessivi euro cinquemila circa.

I Carabinieri del Nucleo Operativo-Aliquota Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Valdarno, hanno deferito in stato di libertà un italiano, classe 96, fermato alla guida della propria auto nel corso di un normale controllo alla circolazione stradale. Il giovane, apparso nervoso ai militari, è stato trovato in possesso di trentadue gr di sostanza stupefacente del tipo marijuana, sequestrata. L’attività di polizia giudiziaria, estesa all’abitazione di residenza, ha permesso di rinvenire e porre sotto sequestro un bilancino di precisione ed un coltello da lui stesso utilizzato per la suddivisione della droga. Il ragazzo è stato denunciato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.