Acquista capi per più di mille euro con assegno rubato

Una signora straniera si era recata in un noto negozio di vestiti sito sulla strada provinciale Botriolo, in Castelfranco di Sopra, dove aveva effettuato una spesa considerevole, con evidente soddisfazione della negoziante che si era vista consegnare un assegno per ben 1.200 euro: i capi di abbigliamento acquistati avevano riguardato, per la gran parte, vestiti per ragazzo intorno ai 14 anni, più alcuni capi da donna.
L’assegno era stato ritirato in buona fede dalla commerciante, salvo poi scoprire, una volta recatasi in banca, come lo stesso fosse stato rubato qualche mese prima al legittimo proprietario, il quale aveva sporto ai Carabinieri regolare denuncia.
La donna truffata si è quindi recata presso la Stazione dei Carabinieri di San Giovanni Valdarno per raccontare l’accaduto ai Carabinieri i quali, con l’aiuto dei colleghi del Nucleo Operativo, si sono immediatamente attivati: dopo aver chiesto ed ottenuto un decreto di perquisizione domiciliare, si sono presentati presso l’abitazione interessata e sono riusciti a recuperare la refurtiva indentificando la truffatrice, una donna disoccupata, di origine polacca, con diversi precedenti penali alle spalle, già conosciuta ai Carabinieri.
Una volta perquisita la sua abitazione hanno trovato in vari armadi sparsi per la casa tutti i capi d’abbigliamento, con ancora attaccate le rispettive etichette con il logo del negozio ed i relativi prezzi.
La donna è stata deferita alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Arezzo per truffa; sequestrata inoltre una costosa bici da 1.600 euro, sulla quale saranno svolti ulteriori accertamenti, per verificare l’eventuale provenienza illecita e se connessa all’utilizzo di altri assegni rubati.