Il Presidio di Libera comincia i 100 passi verso il 21 marzo

Presidio Giovanni Spampinato
Presidio Giovanni Spampinato

Un calendario di quattro iniziative in vista della giornata nazionale della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie istituita nel 2017. Si comincia giovedì 24 gennaio.

Caporalato, decreto sicurezza e mafia in Toscana sono alcuni dei temi trattati dal ciclo di incontri curati dai ragazzi del Presidio di Libera Giovanni Spampinato. Il programma di eventi, ricco di momenti di riflessione sociale e culturale, rappresenta un cammino verso il 21 marzo, ventiquattresima giornata nazionale della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie che la Toscana celebrerà nella città di Siena.

“Pensiamo che i 100 passi siano un’occasione fondamentale per trattare o far conoscere al nostro territorio tematiche attuali inerenti alle mafie e avvicinare più persone al 21 marzo, primo giorno di primavera e momento molto importante per la nostra associazione ” afferma Veronica Loew Cadonna, referente del Presidio Libera Giovanni Spampinato.

Il primo appuntamento in calendario è per giovedì 24 gennaio alle ore 19:00 al circolo Arci L. Bonatti di Matassino che ospiterà THE HARVEST 2.0. Il programma della serata prevede alle 19.00 la proiezione del docu-musical “The harvest” storie di caporalato agricolo nelle comunità sikh dell’Agro Pontino, alle ore 20.00 la cena “PORTERELLA” (ognuno porta una pietanza da condividere). A seguire, alle 21.00, si terrà il dibattito al quale interverranno Andrea Bigalli, referente Libera Toscana, Mauro Pezzotti, segreteria FLAI CGIL e Balbir Singh Pabla, rappresentante della comunità Sikh Valdarno.

Il secondo incontro dal titolo “TERRE LONTANE“ si terrà venerdì 8 febbraio al Circolo Arci di Matassino dove alle 19.00 si terrà la proiezione dei corti “Terre Lontane” e “Il decreto Insicurezza” curati da No.made factory. Alle ore 20.00 cena “PORTERELLA” e a seguire alle 21.00 un approfondimento sulle tematiche di integrazione e accoglienza attraverso le testimonianze dei rappresentanti della Fraternità della visitazione, Villa Pettini e Comunità Valdese. Tutte le comunità del nostro territorio sono invitate a partecipare.

Martedì 19 febbraio è in programma l’incontro “MAFIA IN TOSCANA” con la presenza di Alberto Vannucci, esperto di corruzione politico-amministrativa, docente di Scienze Politiche presso l’università di Pisa e del master in analisi, prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e della corruzione, che affronterà il tema delle mafie in Toscana. (ora e luogo da definire).

” Il prossimo 6 febbraio Il nostro presidio compie 5 anni di attività e faremo un momento di festa alla sala aperta Mattatoio al Matassino che è in parte la nostra sede. Sarebbe bello vedere presenti tanti giovani perché sarebbe un segnale molto importante a livello sociale. Ci piacerebbe che i nostri eventi fossero un’occasione per incontrarsi e stare insieme ma anche per confrontarsi e migliorarsi, per creare una rete di collaborazione da maturare e rinnovare ogni anno” afferma Veronica.

L’ultimo appuntamento dei 100 passi verso il 21 marzo si terrà sabato 9 marzo alle ore 16.30 (luogo in fase di definizione) con “MAFIA INTERNAZIONALE”. Sarà presente Tonio Dell’Olio, membro dell’ufficio di presidenza di Libera per dieci anni e fondatore e responsabile del settore Internazionale di Libera, che racconterà la sua esperienza nei quartieri segnati dalla marginalità, nel contrasto alle mafie in Sud America e spiegherà il ruolo della società civile nel contrasto della criminalità organizzata. Il professor Vannucci e Tonio Dell’Olio incontreranno anche gli alunni delle scuole del nostro territorio che parteciperanno alla giornata del 21 marzo a Siena, rispettivamente i Licei “Giovanni da San Giovanni” e l’Istituto Vasari di Figline.   Tutti gli incontri sono ad ingresso gratuito.