La sezione arbitri di Arezzo festeggia i 70 anni di attività. L’auditorium intitolato a Giancarlo Felici

Giovedì doppio evento. Presenti i vertici nazionali dell’Aia
Il vicesindaco Gamurrini: “Grande traguardo per una vera fucina di talenti”

Un evento di portata nazionale in programma giovedì prossimo, 5 dicembre. La sezione arbitri di Arezzo festeggia i 70 anni di attività con una cerimonia articolata in due fasi: la prima è in programma alle ore 18 presso la sede allo stadio, con l’intitolazione dell’auditorium al presidente onorario Giancarlo Felici; la seconda si svolgerà dalle ore 20 presso Arezzo Fiere e Congressi, con la cena di gala durante la quale saranno assegnati i premi sezionali per la stagione sportiva 2018/19, consegnati i riconoscimenti “una vita per l’Aia” a Franco Palazzini e Giuseppe Valenti per i loro 62 anni di associazione e consegnate le targhe “nozze d’oro con l’Aia” a Mario Bruni e Marcello Nicchi.
Proprio Marcello Nicchi, presidente aretino dell’Aia nazionale, farà gli onori di casa per i tanti ospiti di prestigio: i designatori di serie A, B e Lega Pro Nicola Rizzoli, Emilio Morganti e Antonio Damato, oltre a Gianluca Rocchi, premiato al Galà del calcio come miglior arbitro della scorsa stagione. Probabile, anche se ancora non confermata, la presenza del presidente della Figc Gabriele Gravina.

Il presidente della sezione arbitri di Arezzo, Sauro Cerofolini: “Il fatto che Marcello Nicchi sia alla guida dell’Aia nazionale per il terzo mandato di fila, è il nostro fiore all’occhiello. Particolarmente sentita sarà l’intitolazione dell’auditorium a Giancarlo Felici, un uomo che ha dato tanto alla città, alla Giostra del Saracino e alla sezione”.
Il vicesindaco di Arezzo, Gianfrancesco Gamurrini, ha ricordato in conferenza stampa il patrocinio concesso dal Comune di Arezzo all’iniziativa e i brillanti risultati ottenuti dalla sezione aretina nel corso dei suoi settant’anni di storia: “La vostra è stata ed è una fucina di talenti, frutto di lavoro e grande passione. Sono orgoglioso, a nome di tutta l’amministrazione, di questo traguardo così importante che tagliate”.

Presente al tavolo Roberto Felici, figlio di Giancarlo, il quale non ha nascosto “la grande emozione nel vedere ricordato il nome di mio padre in un contesto che per lui era come una seconda casa. La sezione arbitri è stata una grande palestra di vita e il suo impegno nel lavoro, nella Giostra, per Arezzo, è nato grazie alla passione per l’arbitraggio”.

Alla conferenza stampa ha partecipato Manuel Volpi, arbitro 31enne che ha già debuttato in serie A e che rappresenta la punta di diamante della sezione di Arezzo.
Il ricavato della serata di giovedì verrà devoluto all’Ail (Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma), grazie anche all’impegno del tesoriere Marco Pasquini.

Paola Cesaroni (Ail Arezzo – Federico Luzzi Onlus): “Ringrazio la sezione arbitri per aver pensato a noi. L’Ail Arezzo è nata dieci anni fa e oggi siamo un punto di riferimento apprezzato, con un prezioso lavoro alle spalle per quanto riguarda informazione, prevenzione, assistenza”.