“L’intelligenza del cuore” omaggio a Ilaria Occhini

È una delle più note e versatili attrici italiane del e del , vincitrice del David di Donatello nel 2010 come migliore attrice non protagonista in “Mine vaganti” di Özpetek e di molti altri riconoscimenti; scoperta da Luchino Visconti in quando aveva poco più di 20 anni e da allora non si è mai fermata, lavorando con passione e tenacia a testi diversi con autori diversi, ma sempre con grande rigore professionale: è Ilaria Occhini, che nel 2019 conta 65 anni di carriera vissuti intensamente. A questo traguardo è dedicata la serata di sabato 4 maggio 2019 ad .

Per l’occasione sarà proiettato in anteprima nazionale il documentario “L’intelligenza del cuore”, sceneggiatura e regia di Mauro Conciatori: un ritratto intenso e intimo della grande attrice italiana, una lunga intervista nella quale la Occhini si racconta tra aneddoti della sua carriera e ricordi personali. 

“Una sintesi perfetta di una con grazia incantevole, dall’espressione da bimba e da al contempo. Un’attrice unica: raramente coesistono in un attore fulminante, capacità interpretative e acuta intelligenza. Ilaria Occhini ha questi tre requisiti essenziali ed esiziali per regalare qualcosa in più all’interpretazione. Mai banale, mai di maniera, col plus di calore umano semplice di cui un personaggio ha bisogno” sono le parole di Conciatori che sabato 4 maggio sarà presente alla proiezione.

Il racconto è inframmezzato dalla voce di Agnese Nano che interpreta il testo “La mia Ilaria” di Giovanni Papini suo nonno. Il titolo del documentario riprende una frase del marito, lo scrittore Raffaele La Capria, da cinquant’anni appassionato compagno di vita: “L’intelligenza del cuore è rara, ma lei ce l’ha”. Grazie alla regia, delicata e poetica, di Conciatori il documentario ripercorre la di Ilaria Occhini tra vita privata e il suo amore per la recitazione. Un modo affettuoso e poetico per ripercorrere la carriera di questa grande attrice.

Il documentario sarà proiettato presso lo spazio “Alexandra Loft” in cui faranno gli onori di casa la figlia Alexandra La Capria e gli amici e colleghi Simona Izzo e Ricky Tognazzi che intervisteranno Conciatori.

A soli diciannove anni Ilaria Occhini ha debuttato nel cinema nel Terza liceo con lo pseudonimo di Isabella Redi, diretta da Luciano Emmer per poi diplomarsi all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” a Roma. Il grande successo popolare arriva con Jane Eyre, sceneggiato televisivo diretto dal regista Giulio Majano che la afferma icona di bellezza italiana. Il successo di Jane Eyre le permette di essere notata da uno dei più grandi registi del teatro e cinema italiano, Luchino Visconti, che la farà debuttare in teatro nel 1957 in L’Impresario delle Smirne di Goldoni e a seguire in Uno Sguardo Dal ponte a fianco di Paolo Stoppa e Rina Morelli. Grande maestro di Ilaria è Orazio Costa suo all’Accademia che con lo sceneggiato “Graziella” la conferma al grande pubblico. Da questo momento la carriera dell’attrice è in salire e la vede a fianco di attori come Marcello Mastroianni, Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Alain Delon, Jean Gabin e molti altri. Si conferma nel teatro diretta da Peppino Patroni Griffi, Luca Ronconi, Mario Missiroli, Luigi Squarzina. In televisione ancora con gli sceneggiati “Puccini” del 1973 e L’Andreana del 1982. Ilaria Occhini abbandona il cinema per il teatro per un periodo molto lungo, ma il cinema non abbandona lei. Sarà Alessandro Benvenuti a rilanciarla nel cinema nella commedia “Benvenuti in casa Gori” nel 1992, che le è valso il Nastro d’Argento alla migliore attrice non protagonista. Nel 2005 ha riconquistato l’attenzione del pubblico televisivo con il ruolo della madre nelle quattro stagioni della popolare fiction di Rai 1 “Provaci ancora prof!” con la regia di Rossella Izzo. Nel 2008 è stata la protagonista di Mar Nero, film di Federico Bondi che le è valso vari riconoscimenti, come la candidatura ai David di Donatello e la vittoria del Pardo d’Oro alla miglior attrice al Festival internazionale del film di Locarno. Nel 2010 ha vinto il David di Donatello per la migliore attrice non protagonista con Mine vaganti di Ferzan Özpetek e ha ottenuto il Nastro d’Argento alla carriera. Sempre per Mine vaganti ha vinto il premio Alida Valli per la migliore attrice non protagonista al Bif&st 2011.

Arezzo è una seconda casa per la famiglia Occhini, qui il Conte Pier Ludovico (1874-1941) si occupò per primo di restaurare la cinquecentesca “Villa La Striscia”, ancora di proprietà e oggi trasformata in una struttura di accoglienza turistica. Ilaria Occhini si è dedicata con la figlia Alexandra e i nipoti Bernardo e Caterina Occhini, figli del fratello Simone, a reimpiantare i 14 ettari di vigneti della proprietà dando vita a due etichette: un IGT Sangiovese in purezza “Occhini” e un Chianti DOCG “Bernardino”. Sarà nello spazio denominato “Alexandra Loft”, creato dalla figlia per promuovere iniziative culturali, musicali e culinarie, che si terrà la serata di gala e la proiezione del documentario.