Lite tra due famiglie di giostrai al termine del Perdono, otto denunce

I Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno sono intervenuti dopo una segnalazione al 112 con cui veniva descritta una rissa in atto tra un gruppo di persone. All’arrivo della pattuglia dei Carabinieri, la lite era già terminata, per cui i militari si sono subito adoperati per stabilire cosa fosse successo: dopo aver ascoltato numerose persone, è emerso come fosse scoppiata una lite tra due famiglie di giostrai, mentre questi ultimi smontavano le giostre al termine delle Feste del Perdono. Assolutamente futili i motivi legati alla discussione, in quanto la lite è scaturita in relazione alle posizioni migliori da avere all’interno dell’area della fiera, dove poter montare le giostre.

Le due pattuglie dei Carabinieri intervenute, hanno accertato come la violenta lite abbia coinvolto almeno otto persone, tutte identificate, appartenenti a due nuclei familiari diversi ed altri giostrai hanno riferito come le due famiglie si fossero scontrate anche in altre fiere della toscana.

Dal racconto di alcuni testimoni, qualcuno dei soggetti coinvolti nella rissa avrebbe raccolto degli strumenti metallici utilizzati per la manutenzione e lo smontaggio delle giostre al fine di usarli come “armi contundenti” nei confronti della famiglia avversaria ma grazie all’intervento tempestivo dei militari dell’Arma si è impedito che la lite continuasse, tenuto conto che gli animi erano molto tesi e sono rimasti tali sino a che i Carabinieri hanno intimato ad un nucleo di allontanarsi immediatamente dall’area.

I militari hanno inoltre documentato come alcuni dei soggetti coinvolti presentassero lievi ferite ed ematomi, ma nessuno è voluto ricorrere alle cure dei sanitari.
Tutti gli otto soggetti identificati sono stati denunciati in stato di libertà per rissa.