Morte improvvisa per un 49enne, prevale l’ipotesi Sepsi

ospedale malati febbre
ospedale malati febbre

L’uomo era residente a . Portato al di , è deceduto nel giro di poche ore

BIBBIENA – Una morte improvvisa e repentina. Tra le ipotesi più probabili ci sarebbe la sepsi, cioè una forma gravissima di infezione. E’ quanto successo questa mattina al Pronto Soccorso di Bibbiena dove il ha portato un 49enne di Pratovecchio, deceduto poi intorno alle 7,30. Domani la salma sarà trasportata ad dove verrà disposto il riscontro diagnostico.

Secondo una prima ricostruzione dei , l’uomo aveva la febbre alta da ieri mattina, insieme a disturbi intestinali. Nel tardo pomeriggio, nonostante gli antipiretici, il 49enne continuava a stare male. Così la moglie ha chiamato la guardia medica che non ha riscontrato particolari sintomi che potessero far presagire un aggravamento o gravi patologie. Il medico ha quindi disposto di continuare la cura con gli antipiretici. Intorno alla 1 di questa notte, la moglie ha visto l’uomo particolarmente agitato ed ha quindi deciso di chiamare il 118. Gli operatori di automedica e BLSD hanno deciso di portare il 49enne in Pronto Soccorso a Bibbiena. Erano le 3.05. Qui sono stati effettuati tutti gli esami del caso. L’uomo è sempre rimasto lucido e vigile ma intorno alle 6,50 il quadro si è aggravato improvvisamente con difficoltà respiratorie. Il 49enne, subito intubato, è stato preso in carico dal medico del Pronto Soccorso e dal rianimatore ma l’arresto cardiaco non gli ha lasciato speranza. Dopo oltre mezzora di manovre avanzate di rianimazione, il 49enne è deceduto.

L’uomo era uno sportivo ed aveva fatto controlli recentemente. L’ipotesi dei medici è che si sia trattato di un’infezione batterica. La famiglia ha condiviso con i medici la necessità di un riscontro diagnostico.

La sepsi è una malattia che ha potenzialmente un’alta mortalità, a volte anche con un andamento iperacuto, ma solo il riscontro diagnostico potrà fare chiarezza. In nessuna fase è stata rilevata la presenza di segni meningei da parte dei medici che hanno visitato il 49enne.