Nasce un progetto di valorizzazione di Poggio Grillo

Le amministrazioni di Talla e unite per conservare l’importanza storica e paesaggistica del luogo

Al via il progetto di valorizzazione di Poggio Grillo, la vasta area montana che collega il di Talla a quello di Capolona. In memoria della tragica battaglia che tra il 2 e il 7 agosto del 1944 si svolse proprio nella zona, prenderanno vita dei percorsi, dei sentieri, delle aree pic nic e degli spazi dedicati proprio alla Memoria di quel tragico evento. Nel piano di recupero è prevista anche la ristrutturazione delle trincee e la realizzazione di un bozzetto per un cippo da posizionare sul poggio da parte degli del liceo artistico Piero della Francesca di , che hanno accolto con entusiasmo il progetto. “Poggio Grillo ha una notevole importanza storica ma anche paesaggistica – hanno spiegato il di Talla Eleonora Ducci e l’assessore del comune di Capolona Daniela Organai – era importante pensare di collaborare per salvaguardare la e allo stesso tempo per valorizzare il bellissimo paesaggio che la montagna ci offre e che può potenzialmente diventare un punto di attrazione turistica. Abbiamo già iniziato i per rendere concreto il piano che ci ha permesso di accantonare la realizzazione di una cava, definitivamente esclusa anche dal Piano Regionale Cave su sollecitazione dell’amministrazione comunale di Talla”. Poggio Grillo, oltre ad essere una bellissima area dal punto di vista paesaggistico, è un luogo vivo nella memoria degli abitanti di Capolona e di Talla per la strage che si consumò nell’agosto del 1944 quando dopo lunghe nottate di bombardamenti da parte dei tedeschi, furono centinaia i tra le comunità del territorio. L’associazione “Quelli della Karin” di sta raccogliendo le testimonianze di chi ricorda quei tragici giorni e di chi è a conoscenza di racconti o ha conosciuto testimoni diretti della battaglia, in modo da dare vita ad un dedicato proprio alla Memoria della strage di Poggio Grillo. “Non abbiamo ancora finito di raccogliere il materiale per la realizzazione del -documentario e invitiamo chiunque possa aiutarci con una testimonianza o con un racconto a rivolgersi alla nostra associazione per contribuire alla realizzazione del – ha dichiarato Rudi Lapini di “Quelli della Karin” – quella di Poggio Grillo è una battaglia rimasta nella mente di tutte le famiglie che l’hanno vissuta, direttamente o indirettamente, e merita di essere ricordata, come merita di essere protetto il luogo in cui si è svolta così che nel tempo ne venga conservata la memoria”.