Novembre all’insegna del cinema italiano: a Arezzo torna la rassegna “Viaggio in Italia”

Venerdì 15 novembre il regista Carlo Sironi presenterà la sua opera prima “Sole” mentre venerdì 22 novembre alle ore 21.00 gli attori Daniele Parisi e Silvia D’Amico interverranno alla proiezione de “L’ospite” di Duccio Chiarini

 

Novembre ad Arezzo è all’insegna del cinema italiano: con un doppio appuntamento torna “Viaggio in Italia” la rassegna promossa dalla Fondazione Arezzo Intour, sezione Arezzo Cinema e curata dal critico cinematografico Marco Compiani (Spietati e Point Blank).

 

Venerdì 15 novembre alle ore 20.30 presso il Cinema Eden il regista Carlo Sironi presenterà la sua opera prima “Sole”.

Presentato alla 76ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dove ha vinto tra gli altri il Premio FEDIC e il Premio NUOVOIMAIE Talent Award al miglior attore emergente, il film ha partecipato nella sezione Discovery al Toronto International Film Festival.

Si racconta di Ermanno un ragazzo che passa i suoi giorni fra slot machine e piccoli furti; Lena ha la sua stessa età, è appena arrivata dalla Polonia per vendere la bambina che porta in grembo e poter iniziare così una nuova vita. Ermanno deve fingere di essere il padre per permettere a suo zio e alla moglie, che non possono avere figli, di ottenere l’affidamento attraverso un’adozione tra parenti.  Alla nascita di Sole, però, tutto cambia: mentre Lena cerca di negare il legame con sua figlia, Ermanno inizia a prendersene cura come se fosse il vero padre e tra i due ragazzi cresce un legame inatteso.

Carlo Sironi romano, classe 1983, a diciotto anni inizia a studiare fotografia e a lavorare nel cinema come aiuto operatore e in seguito come assistente alla regia.

Sofia, il suo primo cortometraggio da regista, è stato in concorso al 28mo Torino Film Festival. Dal 2010 dirige videoclip, documentari e programmi televisivi.

Cargo, il suo secondo cortometraggio di finzione, è stato presentato in concorso alla 69ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e candidato come miglior cortometraggio ai David di Donatello 2013, vincendo vari premi internazionali.

Valparaiso, il suo terzo cortometraggio, è stato premiato nel 2016 al Festival di Locarno.

Carlo Sironi è stato selezionato alla Script Station del Berlinale Talent Campus, alla Residence della Cinéfondation e in vari laboratori di sviluppo internazionale.

 

Venerdì 22 novembre alle ore 21.00 gli attori Daniele Parisi e Silvia D’Amico saranno presenti al Cinema Eden dove sarà proiettato L’ospite” di Duccio Chiarini.

Lasciato dalla compagna di una vita, il 38enne Guido è in cerca di un nuovo equilibrio in un mondo in cui ogni coppia è infelice a modo suo: in un pomeriggio d’inverno, un imprevisto sotto alle lenzuola turba la sua relazione con la fidanzata Chiara. Diretti in farmacia per comprare la pillola del giorno dopo, Guido le propone di non prenderla e Chiara si trova costretta a confessare i suoi recenti dubbi sul loro rapporto. È l’inizio della crisi e Guido è presto costretto a fare le valigie e ad andarsene di casa, ma per andare dove? Incapace di stare da solo, chiede ospitalità nelle case dei genitori e degli amici più cari trovandosi a naufragare da un divano all’altro nell’insolito ruolo di testimone delle loro vite e dei loro grovigli amorosi.

“Anche se in maniera meno evidente rispetto al mio primo film “Short Skin” – commentia Duccio Chiarini -, anche questo film è caratterizzato dal desiderio di affrontare il tema della complessità delle relazioni sentimentali utilizzando il punto di vista di un uomo fragile”.

 

Daniele Parisi ha studiato recitazione all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’amico. Debutta al cinema nel 2016 come protagonista di “Orecchie” di Alessandro Aronadio, presentato alla 73esima edizione del Festival di Venezia. Ha lavorato anche con Matteo Botrugno e Daniele Coluccini in “Il Contagio” del 2017, presentato al Festival di Venezia l’anno successivo e con Gianni Zanasi in “Troppa Grazia” nel 2018. Recita anche per la TV per alcune fiction. Dal 2011 approfondisce la sua personale ricerca teatrale realizzando diversi spettacoli.

 

Silvia D’amico si laurea nel 2009 all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica. Muove i primi passi nel mondo del cinema nel 2012 e lavora con registi quali Giuseppe Piccioni, Daniele Luchetti ed è la protagonista di “Fino a qui tutto bene” di Roan Johnson. Nel 2015 è nel cast del film di Claudio Caligari “Non essere cattivo” e nel 2016 recita in “Orecchie” di Alessandro Aronadio. Nel 2017 è nel cast di “The place” di Paolo Genovese, di “Finchè c’è Prosecco c’è speranza” di Francesca Beltrame, e in “Diva!” Di Francesco Paternò. Il 2018 la vede protagonista oltre che de “L’ospite” di Duccio Chiarini, in “Hotel Gagarin” di Simone Spada e in “Non sono un assassino” di Andrea Zaccariello. Il 2019 sarà l’anno di “Brave ragazze” di Michela Andreozzi e di “Il colpo del cane” di Fulvio Risuleo. Per la TV lavora a “Squadra Antimafia 8”, “Questo nostro amore 70” e ne “I delitti del Bar Lume”.

 

“Viaggio in Italia” è il calendario che nasce per valorizzare e supportare le produzioni cinematografiche che scelgono la città come tappa dei loro percorsi artistici e creativi e per offrire momenti di incontro con autori, registi e attori del cinema italiano.

L’evento promosso e sostenuto dalla Fondazione Arezzo Intour è realizzato da Associazione Doppio Sogno in collaborazione con Cinema Eden Arezzo, Officine della Cultura e con il supporto di B&B Antiche Mura. Media partner Point Blank.