Perde soldi alle slot-machine e cosparge con liquido infiammabile gli ingressi di tre esercizi pubblici della città

I del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di hanno proceduto alla in stato di libertà un aretino, classe 1972, pluripregiudicato, per aver cosparso di liquido infiammabile le porte di ingresso di tre bar della città.

L’uomo ha agito nella notte tra il 19 ed il 20 febbraio u.s., approfittando della chiusura degli esercizi pubblici. I locali presi di mira sono stati tre bar, due del centro storico ed uno in zona Pescaiola.

Il mattino seguente, alla riapertura degli esercizi commerciali, i proprietari si sono accorti della presenza di un forte odore acre proveniente da un liquido, successivamente risultato essere infiammabile, che era stato cosparso sugli ingressi ed hanno quindi richiesto l’intervento dei Carabinieri.

Le indagini svolte hanno consentito di individuare in un unico soggetto l’autore dei gesti.

Dalle immagini estrapolate dagli impianti di videosorveglianza cittadina si è giunti alla individuazione dell’autore e all’esatta ricostruzione delle condotte criminali da lui poste in essere.

Gli accertamenti hanno permesso di appurare che l’uomo aveva agito per vendetta nei confronti dei locali presi di mira, dove, la sera precedente ai fatti, aveva giocato e perso denaro alle slot-machine. Il gesto doveva poi servire ad ammonire i gestori dall’usare apparati di gioco da lui ritenuti non collegati alla rete statale di gioco e quindi non in grado di assicurare le vincite.

L’uomo è stato quindi denunciato in s.l. all’A.G. per i reati di minaccia aggravata e imbrattamento di cose altrui.