Piazza Zucchi: mercato Sapori e Saperi aretini

36

Bilancio positivo per le prime edizioni. Stamani visita dell’assessore Comanducci

In piazza Zucchi, gli stand del mercato “Sapori e saperi aretini”, sempre più punto di riferimento per il quartiere di Saione. C’è soddisfazione tra gli operatori e gli organizzatori del mercato settimanale di Piazza Zucchi. A meno di un mese dalla ripresa, dopo lo stop invernale, il bilancio è positivo. Stamani i dirigenti di Confesercenti, Cia e Confagricoltura assieme all’assessore al commercio Marcello Comanducci hanno dato il benvenuto agli ambulanti.

“Un mercato che si sta caratterizzando – hanno detto le associazioni di categoria – grazie alla professionalità degli operatori e alla qualità della merce. I prodotti a chilometro zero sono di grande interesse per i consumatori e ogni martedì mattina in piazza Zucchi sono tanti i residenti della zona che approfittano dell’opportunità di acquisto”.

Il mercato in Piazza Zucchi ad Arezzo
Il mercato in Piazza Zucchi ad Arezzo

Il mercato settimanale in piazza Zucchi – aggiungono da Confesercenti, Cia e Confagricoltura – sta centrando anche il duplice obiettivo di creare occasioni di incontro non solo tra clientela e operatori ma anche tra chi vive e lavora nella zona. Gli stessi commercianti che hanno le loro attività nella zona sono soddisfatti dal passeggio nella piazza: le bancarelle del mercato la animano e sono un punto di aggregazione”. Da parte delle associazioni di categoria va anche il grazie all’assessore e all’amministrazione comunale per aver esonerato, per tutto il 2019, le bancarelle dal pagamento del suolo pubblico.

“Per primi beneficeranno di questa misura – ha puntualizzato l’assessore Marcello Comanducci – il mercato di Piazza Zucchi e quello di Saione. L’agevolazione rientra in un progetto più ampio con il quale l’amministrazione ha previsto lo sgravio sul canone per l’occupazione di suolo pubblico per le manifestazioni, gli eventi e le attività commerciali a carattere temporaneo in un’area compresa tra via Cittadini, via Arno, via Vittorio Veneto, via Curtatone, compreso i parchi del Pionta, Arno e Mancini e l’area di Campo di Marte fino ai binari ferroviari. Per combattere il degrado e rianimare il quartiere si inizia così. C’è già chi ha dimostrato interesse ad organizzare eventi ”.