Polizia locale: aumenta il parco macchine a disposizione per i servizi

Polizia locale
Polizia locale

Due nuove Subaru Forester sono in dotazione della polizia locale. Prodotte nel 2018, hanno beneficato di interventi e migliorie dedicate al look e all’abitacolo, reso più confortevole. Nel quadro strumenti, il display informativo è del tipo LCD a colori, con accresciute doti di visibilità e design. E ancora: struttura di rinforzo ad anello che avvolge l’intero abitacolo e che in caso di collisione dissipa e devia le forze d’urto con il contributo di materiali ad alta resistenza, sedili e poggiatesta progettati per ridurre gli effetti del colpo di frusta, airbag frontali, laterali anteriori e a tendina, airbag per le ginocchia del pilota, cinture di sicurezza con pretensionatore e limitatore di carico. Completano le caratteristiche tecniche i 150 cavalli di potenza, la trazione integrale e le quattro ruote motrici adatte anche a una guida fuori strada e in percorsi impegnativi. Senza dimenticare i led luminosi ad alta intensità.

“Queste soluzioni – ha dichiarato il comandante Cino Augusto Cecchini – le hanno rese particolarmente adatte a un utilizzo di polizia, come testimoniano peraltro le numerose Forester in dotazione a Polizia di Stato e Carabinieri. Il parco auto della polizia locale è adesso rinnovato significativamente e di questo ringrazio il sindaco e l’amministrazione. Inoltre c’è un’autentica novità per una delle due vetture, una primizia a livello nazionale, visto che l’abbiamo concepita e arredata come un ufficio viaggiante”.

“Oltre a questo – ha aggiunto il sindaco Alessandro Ghinelli – intendo sottolineare che le auto sono pronte da subito a svolgere un efficiente servizio su strada, a cominciare dal rilevamento dei sinistri. Non dimentichiamo, infatti, che gli incidenti che avvengono nel territorio comunale sono rilevati dai nostri agenti. È un grande lavoro che tuttavia ci inorgoglisce e responsabilizza: liberiamo in tal modo da questa incombenza agenti di Polizia di Stato e Carabinieri che possono essere così demandati ad altre funzioni. La polizia locale del Comune di Arezzo diventa strumentale per un utilizzo coordinato di tutte le forze dell’ordine, condizione propedeutica per garantire la sicurezza del territorio. Anche per questo, dobbiamo mettere i nostri agenti in condizioni di tranquillità e privacy. Se svolgono bene il proprio lavoro garantiscono un servizio migliore per i cittadini, che sono sempre il punto di riferimento delle nostre azioni e politiche”.

Entriamo nel merito degli aspetti accennati da sindaco e comandante: oltre all’attrezzatura posta nel bagagliaio comune a entrambe le vetture, ovvero stampati, etilometro, segnali stradali e quanto ritenuto utile, in una è stato realizzato un mobile dotato di ampio vano portadocumenti interno e di piano di scrittura scorrevole e collocato in corrispondenza del sedile passeggero centrale posteriore. Consentirà agli operatori di accomodarsi avendo di fronte un appoggio adeguato per scrivere o per utilizzare un PC NoteBook.

Dopo di che il piano potrà essere fatto scorrere nella posizione a riposo, eventualmente smontato, e l’operatore disimpegnerà agevolmente la postazione per poi scendere dal veicolo o sfruttare il sedile posteriore stesso. Ecco che l’autovettura si configura come un vero e proprio ufficio mobile per le esigenze che gli agenti affrontano quotidianamente.