Run di Jason Reynolds

LIBRI per TUTTE le ORECCHIE

Paesaggi Letterali Settimanali a cura di Roberto Fiorini

[wpvideo CcgZOyht]

Dopo Ghost, premio Andersen 2019 come miglior libro per ragazzi, Run è il secondo romanzo della serie di Jason Reynolds dedicata all’atletica edito da Rizzoli.
Entrambi bestseller del New York Times, si leggono indipendentemente l’uno dall’altro e raccontano le storie di un gruppo di ragazzi veloci su pista, impetuosi nella vita.
Per aprirsi la strada verso il successo dovranno prima dimostrare quanto valgono.
Agli altri e soprattutto a se stessi.
Jason Reynolds va matto per le storie.
Se muori dalla voglia di sapere che gusto ha un sandwich al burro di arachidi e gelatina, chiedilo a Jason.
Se sei curioso di conoscere l’aspetto del peggior selfie del mondo, chiedilo ancora a Jason.
A quel punto ti proporrà un affare: un sandwich in cambio di una lezione sui selfie.
E forse, ma solo forse, ci metterà dentro anche una o due storie.
Di storie e di libri infatti Jason ne ha già scritti un bel po’ .
Con Ghost è stato anche finalista del National Book Award, il premio americano della narrativa di qualità.
Si può essere più veloci della vita?”.
La vita di tutti noi appare molto come una gara, dove corri per vincere, dove corri per sentirti migliore, dove corri per sentirti libero, dove corri per il solo piacere che ti dà correre.
La falsa partenza non esiste.
Perché falsa vuol dire finta e non ci sono finte partenze in pista.
O parti o non parti.
O corri o non corri.
Non c’è via di mezzo.
Può esserci una partenza sbagliata.
È quando parti nel momento sbagliato, scatti in anticipo e inizi a correre senza che ci sia nessuno a correrti dietro.
Non c’è gara, a parte per il tuo cervello che giura che ha tutti alle tue spalle.
Ma dietro non c’è nessuno.
Non nella realtà.
Nessuno ti sta inseguendo.
Ecco che cosa intende la gente quando parla di falsa partenza.
Una partenza vera al momento sbagliato.

Run 2
Run è un romanzo per giovani lettori, ma le sue pagine sanno coinvolgere anche lettori più adulti, perché la scrittura di Reynolds è brillante e coinvolgente, appassiona sin dalle prime battute, trascinando dentro un gorgo di sentimenti forti e puri.
Praticamente impossibile ti lascino indifferente.
Il mondo dell’atletica, lo sport come portatore sano di valori positivi, a far da sfondo e da filo conduttore nella tessitura di una trama che mescola sentimenti e fugace spensieratezza giovanile, con dolori immensi, troppo grandi per essere sorretti dalle spalle adolescenziali della protagonista.
Una giovanissima protagonista che comprende che le difficoltà che sta affrontando nella vita, i dolori, le sofferenze, le preoccupazioni, sono molto più leggere se si apre al mondo, se apprezza lo sforzo di chi le è accanto e le tende una mano.
Perché non è sola in questa gara della vita, ha un vero team accanto a sé, un gruppo sincero che la sostiene e la incoraggia, sempre e comunque.
Jason Reynolds ha 35 anni e vive a Washington DC.
Tra i sogni del cassetto non avero certo quello di diventare uno scrittore di successo.
In effetti, aveva 17 anni quando è riuscito a leggere il suo primo libro dall’inizio alla fine.
Jason ha però la capacità di connettersi con i suoi lettori.
Ci racconta che vita non fa sconti per nessuno.
Talvolta sembra che il mondo ci crolli addosso, ma non si può fare altro che andare avanti a testa alta, vincendo le nostre paure.
Correndo.
Proprio in Run fa Patina Jones, la ragazza più veloce della sua squadra di atletica, i Defenders.
E non c’è da stupirsi: Patty ha tanti motivi per cui correre.
Ci sono le compagne snob della nuova scuola, a cui dimostrare che anche lei, un giorno, diventerà qualcuno.
C’è Maddy, la sua sorellina, a cui insegnare che in pista, così come nella vita, bisogna correre a testa alta.
Ci sono Ghost, Sunny e Lu, novellini dei Defenders, da incoraggiare e sostenere.
E poi c’è sua madre, che non può correre mai più.
Ma quando le motivazioni sono tante, la pressione può salire alle stelle.
Ce la farà Patty a correre così veloce da lasciarsela alle spalle?
Patina impara che tutto ciò che appare non sempre è.
E che i suoi problemi e difficoltà sono gli stessi che hanno anche altri ragazzi della sua scuola.
Che ambientarsi è sempre complicato, più o meno, per tutti.
E che non è facile mostrare totalmente la propria anima.
Ma proprio quando le maschere sociali cadono, e ognuno si mostra per ciò che è realmente, allora sentimenti, come l’amicizia, possono davvero sbocciare come fiori in primavera.

Run 3
Run è un grande romanzo per bambini che amano la finzione realistica.
Ma anche per quei bambini che sono disposti a uscire un po’ dalla loro stanza per avvicinarsi ad lettura davvero fantastica.
Spesso occorre fermarsi su alcune righe, rileggendole con attenzione per apprezzarne lo slancio, la perfezione, in altre parole la magnifica narrazione.