“Velocità, fango e gloria

Tony Cairoli
Antonio Tony Cairoli, è nato a Patti in provincia di Messina il 23 settembre del 1985, ed è uno dei più grandi piloti di motocross di tutti i tempi.

RECENSIONE A CURA DI ROBERTO FIORINI

LIBRI per TUTTE le ORECCHIE
Paesaggio Letterari Settimanali

Papà in Sicilia gli ha trasmesso la passione per la moto e il senso di libertà.
Sua moglie Jill gli dona tranquillità
Lui non rinuncia mai alla pasta.
Si chiama Antonio Tony Cairoli, è nato a Patti in provincia di Messina il 23 settembre del 1985, ed è uno dei più grandi piloti di motocross di tutti i tempi.
Nella sua straordinaria carriera iniziata nel 2002 ha vinto 9 titoli mondiali di cui 6 consecutivi dal 2009 al 2014 e 85 gran premi.

Tony Cairoli si è raccontato per la prima volta in un’autobiografia sincera ed emozionante: seguendo il proprio motto “Velocità, Fango e Gloria”, tre costanti nella sua vita che lui svela con un taglio inconsueto.

“Mi costruii dietro casa – racconta Cairoli – quella che nella mia testa doveva somigliare a una piccola pista: due mucchi di terra fatti con una pala in giardino. All’inizio ci spingevo sopra la bici tenendola per il manubrio e copiando i salti; poi, pian piano, ho cominciato a farlo pedalando e infine accennando qualche salto”.

Antonio Tony Cairoli
“Velocità, Fango e Gloria” è un romanzo di Antonio Tony Cairoli edito da Rizzoli

Velocità, Fango e Gloria edito da Rizzoli è un libro straordinario e sorprendente.

La prima sorpresa arriva appena si comincia la lettura.

Il nove volte campione del mondo di motocross, con sincerità e schiettezza, apre il racconto narrando una sconfitta.

La sconfitta subita ad Assen ad opera di Jeffrey Herlings il 16 settembre 2018 che ha permesso all’olandese di conquistare il suo primo titolo.

Tony Cairoli sta al motocross come Valentino Rossi al motociclismo: nove titoli mondiali ciascuno.

Ed allora non deve stupire che un vincente straordinario come lui inizi il racconto parlando di una sconfitta.

Perché soltanto così il lettore può comprendere il vero significato di vivere per il motocross.

Un campione arrivato al successo grazie al lavoro e alla determinazione che plasmano il talento.

Antonio Tony Cairoli
Antonio Tony Cairoli

A Namur, in Belgio, su una pista leggendaria – nel 1988 Hakan Carlqvist si fermò durante l’ultimo giro per prendersi una birra prima di tagliare il traguardo da vincitore –  Cairoli conquista la prima vittoria iridata a soli 19 anni a dal quel momento non si è piu’ fermato.

Un campione assoluto che ha vinto tantissimo perché ha imparato ad ascoltare se stesso e gli altri.

Nei due minuti di raccoglimento prima di gara c’è tutta l’essenza del racconto di una vita.

Due minuti di intimità con la pettorina slacciata e gli stivali in un angolo.

Prima di andare a soffrire e vincere.

Perché tutta la vita di Cairoli racconta di vittorie e sofferenze e della incapacità di rinunciare, di ritirarsi dalla lotta, di darsi per vinto.

Un racconto autentico e sincero.

Un racconto che appassiona pagina dopo pagina.

Un racconto pieno di aneddoti e sorprese.

Una storia raccontata in prima persona da Cairoli, tutta pancia e cuore.

La storia di un ragazzo che arriva dalla provincia del mondo, da una terra di bellezze naturali e di grandi tradizioni culturali.

Una terra certo non famosa per il motocross.

Cairoli si racconta, parola dopo parola, come uomo e come sportivo, affascina e inchioda alla lettura.

Del resto non si diventa un fuoriclasse assoluto se non si è animati da una passione forte che va ad accompagnare il talento e a sostenere la determinazione.

Con un’unica certezza.

“Io ci sono. Penso, dunque esisto. Soffro, quindi sono vivo. Vinco, perché io sono tutto questo insieme”.

Un modo fantastico per spiegare la Gloria e la Velocità.

Ma il Fango?

Il fango è presente ad ogni pagina, quell’intimo rapporto che lega la melma al motocross traspare in ogni rigo del racconto, esplodendo però magnificamente nelle pagine fotografiche centrali che illustrano i momenti salienti della carriera di Cairoli.

Nel sottotitolo del libro, la mia vita per il motocross, c’è infine tutto il mondo di Tony Cairoli, un Campione vero, nello sport e nella vita.

Un uomo, un fenomeno, una leggenda.

Un uomo spericolato si ma con la testa sulle spalle.

Uno che non ha mai avuto timore di esporre il proprio punto di vista.

Un campione e il sogno di una stella.

Quel decimo campionato del mondo per eguagliare il record di Stefan Everts e scrivere un’altra memorabile pagina della storia del motocross.