Ad oggi oltre 800 partenti alla decima edizione della “Ronda Ghibellina”

Meno due al via della decima edizione della “Ronda Ghibellina”. Ad oggi si sono iscritti più di 800 tra appassionati di questa disciplina o runner professionisti, tra questi Luca Papi, primo vincitore del Tor des Glaciers, l’endurance più duro del mondo, e una 20 di stranieri provenienti dall’America, Germania e Irlanda.  


Dieci anni di Ronda, dunque, dieci anni per far crescere e far amare sempre più persone, a Castiglion Fiorentino e in tutta la provincia di Arezzo dove si è assistito a un vero e proprio boom di praticanti, la disciplina del trail-running. Disciplina che ha fatto del rapporto stretto con la natura, della sostenibilità e dei valori autentici dello sport sano i suoi caratteri fondanti. Nbs Ronda Ghibellina Trail festeggia le dieci edizioni il 25 e 26 gennaio attraverso un ricco programma spalmato su due giorni di gare e non solo.

Dal punto di vista squisitamente tecnico sono stati confermati i percorsi delle quattro distanze già viste nel 2019, quindi: si parte al sabato, in notturna, con l’affascinante e adrenalinica Sky Night (10k 600d+) che segue il “baby ring” per giovani sparvieri, dedicato a tutti gli atleti del settore giovanile dell’atletica leggera che si sfideranno in un percorso a metà fra un mini-trail e una spartan race per bambini, e si prosegue alla domenica con altre tre gare sul piatto. Prima dell’alba, alle 6, partirà la Ghibellina Plus (70k 3800d+), la gara più dura ed estenuante con i tratti “extra-confine” a Cavadenti e Sant’Egidio, luoghi leggendari per i locali amanti della montagna che vede, ad oggi, 125 partenti. Alle 8 il via al serpentone della Ghibellina (45k 2500d+), circa 300 partenti, la distanza regina, forse la “più ghibellina” delle altre perché segue (quasi) fedelmente da dieci anni il confine ghibellino dei crinali della Val di Chio. E infine alle 9 si daranno battaglia gli agguerriti sparvieri dell’Assassina (25k 1200d+), i quali precederanno la Marcia dei ghibellini, trekking non competitivo e aperto a tutti i camminatori che vogliano testare alcuni tratti simbolo del percorso. Insomma, ce n’è per tutti i gusti e per tutte le esigenze. Nbs Ronda Ghibellina Trail, del cui comitato organizzatore fanno parte anche il Gruppo Storico, il Geco e la Vab, sarà una due-giorni di festa dello sport, con l’expo dentro il Palazzetto Fabrizio Meoni che si trasforma come da consuetudine in un ritrovo di amici e appassionati – un terzo tempo, prendendo in prestito un termine rugbistico – per condividere storie di vita, di corse e di fatiche, ma anche per conoscere le aziende e gli sponsor che sostengono la manifestazione, dal title sponsor Nbs (brand che affianca anche la squadra corse della società del presidente Renato Menci) agli altri partners tecnici quali Hoka One-One, Tornado, I-Exe e tutti gli sponsor locali.

Per sensibilizzare sulle tematiche ambientali, care all’etica della corsa in montagna, Nbs Ronda Ghibellina donerà i 5€ di cauzione del chip, che ogni atleta vorrà devolvere, alla causa del “Keep clean and run”, l’iniziativa su scala europea che spinge alla mobilitazione contro l’abbandono dei rifiuti promuovendo corse e passeggiate in natura raccogliendo appunto i rifiuti per terra.